Per una leadership responsabile

In un mondo in cambiamento la visione della leadership è cambiata. Il leader non è il padrone ma è colui che trasmette con passione la sua vision aziendale

Se nel passato il leader poteva definirsi come il padrone o il capo, colui che detiene il potere, oggi il leader è colui che trasmette con passione una visione di un mondo al quale gli altri desiderano appartenere e che riunisce le energie del gruppo per manifestare la sua visione.

Molto più che del potere, i leader efficaci hanno bisogno di capacità di comunicazione e d’influenzare gli altri, capacità relazionali in seno all’azienda ma ugualmente per stabilire alleanze strategiche oltre l’impresa, così come le qualità personali di congruenza e d’integrità.

Uno degli ultimi sviluppi nel settore della leadership è quello del ” Service Leadership “, che potremmo tradurre come facilitatore, aiutante, collaboratore, assistente o responsabile.

Il leader responsabile è colui che crea le condizioni ottimali e facilita il lavoro degli altri. Questo leader si preoccupa dello sviluppo delle capacità e del potere del lavoro degli altri. Impiantato in una visione sistemica e in una visione a lungo termine, si basa sui valori del rispetto, dell’evoluzione, della crescita personale, della coscienza globale e sociale, della responsabilità e etica sociale. Dedicato al servizio degli altri, la sua attività principale è di rendere gli altri più competenti perché ” quando la marea aumenta, il battello sale ugualmente “.

Le competenze necessarie alla leadership responsabile sono :

  • Riconoscere le individualità
  • Promuovere lo sviluppo del potenziale individuale
  • Promuovere l’auto-stima
  • Sviluppare l’autonomia
  • Stimolare la motivazione delle persone verso l’apprendimento e
    la crescita
  • Diventare un mentore, un modello
  • Sponsorizzare l’identità di ciascuno
  • Risvegliare le potenzialità nascoste

tratto da un seminario di Robert Dilts, Coach e consulente organizzativo

Articoli correlati