Perché ci offendiamo

Ci offendiamo quando, per sentirci amabili, ci obblighiamo a corrispondere a un’immagine di ciò che crediamo di dover essere.

L’offesa è un automatismo, condiviso dalla maggior parte
delle persone della nostra cultura, che viene alimentato
socialmente dalle
organizzazioni
gerarchiche di cui facciamo
parte.
Il meccanismo che produce il senso di offesa è molto utile
alle organizzazioni gerarchiche perché, inducendo il
conformismo e l’alienazione, fa guadagnare prevedibilità e
controllo delle persone, dunque facilità di governo.

Come funziona l’offesa? Ci offendiamo quando, per sentirci
amabili, ci obblighiamo a corrispondere a un’immagine di ciò
che crediamo di dover essere.

L’offendersi si basa quindi su un inganno: il credere di essere
come ci si immagina di essere, quando si prende molto sul serio
l’idea che si ha di sé.

Questo inganno è uno dei presupposti più nascosti
e infidi che vengono inculcati con l’educazione. Una volta
addestrati a conformarci a un’immagine precisa, ci alieniamo e
diventiamo i nostri migliori secondini, punendoci con il disagio, e
con il timore di
non essere amati
, ogni volta che ci pensiamo
diversi da come crediamo di dover essere.

Quando ci offendiamo rimaniamo chiusi nel
dialogo mentale
rabbioso e/o triste del
confronto di due immagini di noi (l’immagine di come desideriamo
essere e quella di come temiamo di essere stati) e intanto
perdiamo il contatto con il presente, dunque con la
possibilità di soddisfarci veramente.

Offendendoci con qualcuno, ingaggiamo una lotta per la difesa
dell’immagine in cui ci identifichiamo e intanto ci distraiamo dal
perseguire i nostri veri obiettivi, di volta in volta, nella
relazione.

Non appena
riconosciamo
la natura del meccanismo
ingannevole dell’offesa, possiamo recuperare la libertà
di essere noi stessi, e la
responsabilità
di esserlo.

Quando riconosciamo che non dobbiamo necessariamente aderire a
nessuna immagine preconfezionata di ciò che dovremmo essere
e
ci accettiamo
liberamente per ciò che
siamo, non abbiamo più bisogno esasperato dell’apprezzamento
altrui e nutriamo la nostra autostima col rispetto per noi stessi.
Che, vedremo, diventa una solida base da cui sviluppare il rispetto

per gli altri
.

Emma
Rosenberg Colorni

 

Articoli correlati
Usare la volontà

Immenso e poco conosciuto è il potere della volontà individuale, capace di neutralizzare consuetudini e automatismi e di dirigere la propria vita in direzioni scelte e auspicate.

Per cambiare, impara ad agire

Basta essere vittime passive di stati d’animo sgradevoli o di pensieri negativi! Quando abbiamo bisogno di ritrovare rapidamente serenità dobbiamo agire.

Invito alla crescita personale

“Conosci te stesso” era scritto all’entrata del tempio di Apollo a Delfi. E’ l’invito che rimbalza vivace senza trovare risposta fino ai nostri tempi, domanda spesso dimenticata, trascurata ma sempre viva e potente.

Just a minute – Solo un minuto!

“Prendetevi Solo-Un-Minuto per trasformare il mondo”: grande evento di musica, danza e teatro alla Wembley Arena di Londra, domenica 17 settembre dalle 15 alle 17.30. Ingresso libero con prenotazione.

I segreti del matrimonio

Quando diventa un ponte per superare l’abisso dell’egoismo, il matrimonio diventa un luogo di gioia e una porta verso l’amore universale, raccontano gli aforismi di Swami Kriyananda.