Peugeot 308 Hybrid HDI

Verrà lanciata sul mercato alla fine del 2010. Questa tecnologia permetterà una riduzione del 35% dei consumi rispetto ad un diesel tradizionale.

La 308 possiede un cambio meccanico robotizzato a sei marce
(BMP6) e il sistema Stop & Start, che permette di spegnere il
motore quando il veicolo è fermo, per poi ripartire
istantaneamente, una volta che ci si rimette in marcia.
Potrà essere alimentata anche a biodiesel.

Un po’ di numeri:

  • Motore a combustione: 1,6 HDI FAP da 80 kW
  • Motore elettrico: potenza da 16 kW
  • Consumi ciclo misto: 3,4 l/100 km
  • Emissioni di CO2: 90 g/km

Scrive Alessia Perfetti su h2Roma.org:

Come annunciato nell’ultima edizione di H2roma il 6 e
7 novembre scorso, verrà lanciata sul mercato alla fine del
2010 e sarà la prima vettura ibrida diesel ad essere
commercializzata. Peugeot conferma l’efficacia degli studi iniziati
nel 2006 con il primo veicolo dimostrativo, la 307 ibrida Hdi.
La 308 Ibrida HDi è dotata di un cambio meccanico
robotizzato a sei marce (BMP6) e di un sistema Stop & Start che
permette di spegnere il motore quando il veicolo è fermo,
per poi ripartire non appena si rimette in marcia. Nel ciclo misto
le emissioni sono pari a 90 g/km di CO2, con una riduzione del 38
per cento rispetto ad una 308 diesel equivalente. Risultati che
migliorano nel ciclo urbano, con emissioni di 80 g/km di CO2, il 58
per cento in meno dell’analoga versione HDi. Questo modello inoltre
potrà essere alimentato anche a biodiesel…
Tanto per cominciare tutti i veicoli Peugeot Hdi con filtro
antiparticolato sono già in grado di utilizzare biodiesel al
30 per cento senza alcuna modifica tecnica. Basti pensare che i
veicoli del gruppo PSA nell’area parigina hanno percorso fino ad
oggi più di 14 milioni di chilometri alimentandosi con
questo biocarburante, ricavato dall’olio di colza o di
girasole.
Ma non è finita qui, perché da settembre di
quest’anno il marchio francese commercializza in Francia, Svezia e
Paesi Bassi la 307 Sw e la Station 1,6 Bioflex 110 c. Si tratta di
una gamma di veicoli Bioflex, adattati per poter funzionare con il
superetanolo, una miscela composta per il 15 per cento da benzina
senza piombo e per l’85 per cento da etanolo di origine agricola.
Ne farà parte anche la 308 Bioflex, attesa sul mercato nel
2008, con il suo 2 litri che utilizza superetanolo E85.

Articoli correlati