Primi giorni con un cucciolo di cane

Imposta sin dai primi giorni la convivenza uomo-cane in modo da evitare sorprese e incomprensioni. Eccovi alcuni utili consigli.

Se hai scelto un cucciolo di età compresa tra i 2 e i 2 mesi
e mezzo (momento ideale per l’adozione), per evitare che nei primi
giorni si senta troppo solo e spaesato e si produca, soprattutto
durante le ore notturne, in “proteste” fatte di “pianti e abbai
lancinanti”, sarà bene aiutarlo affinché avvenga nel
modo meno traumatico possibile il passaggio tra l’ambiente dove
è nato e dove ha vissuto con la mamma e gli altri componenti
della cucciolata, e quello del tutto nuovo per lui, della nostra
dimora.
Una buona soluzione è quella di far coincidere l’inizio
della convivenza tra noi e il nostro amico di zampa con l’inizio di
un fine settimana o di una vacanza. Avremo così abbastanza
tempo per abituarlo gradualmente a badare a se stesso senza il
bisogno di una presenza continua al suo fianco.

Inoltre durante la prima settimana sarà bene metterlo a
dormire in camera con noi e spostare di giorno in giorno la sua
cuccia da vicino al nostro letto verso la porta e poi fuori dalla
stanza, fino al posto definitivo che abbiamo stabilito per lui. Per
quanto riguarda la cuccia, nelle prime settimane, in attesa che la
nostra convivenza con lui superi il primo periodo di assestamento,
si può utilizzare uno scatolone di cartone provvisto di fori
finestra e di un’entrata chiudibile quando c’è bisogno che
stia “al suo posto” e ci lasci fare, per esempio, le pulizie di
casa. Per rendere il più piacevole possibile questa dimora
provvisoria, al suo interno gli somministreremo i pasti e gli
daremo come compagno un peluche in cui avremo sistemato una sveglia
che faccia tic tac, in grado di ricordargli il battito cardiaco
della mamma.

Claudio Ottavio
Medico veterinario

 

Articoli correlati
Addestriamo i nostri cani

L’addestramento se fatto e seguito in modo competente non rappresenta solo una scuola per il cane, ma un’ottima occasione per il proprietario, che ha la possibilità di apprendere come trovare un modo per dialogare con lui per la gioia di entrambi.

La tratta dei cani

E’ nato un “anomalo mercato parallelo” di cani importati da altri paesi, soprattutto dall’est europeo.