Project Malawi… per riaccendere la speranza

Malawi vittima ricorrente di tragedie naturali come alluvioni e siccità, secondo le valutazioni della Banca Mondiale è uno dei 15 paesi più poveri del mondo

Esiste un Paese, situato nella parte meridionale del continente
africano, di nome Malawi: 12.000.000 di abitanti, 900.000 malati di
Aids, 1.000.000 di orfani e un?aspettativa media di vita di soli
37,5 anni. Il Malawi è vittima ricorrente di tragedie
naturali come alluvioni e siccità e, secondo le valutazioni
della Banca Mondiale, è uno dei 15 paesi più poveri
del mondo.

Per questo nasce Project Malawi, una
grande iniziativa
promossa da Fondazione Cariplo e
Banca Intesa, in collaborazione con Comunità Sant?Egidio,
Save the Children, Cisp e Associazioni scoutistiche del Malawi.

Obiettivo prioritario del progetto è la
lotta contro l?Aids
, ma in realtà l?iniziativa
è volta ad attuare un insieme di interventi coordinati che
investe quattro diverse aree:

Salute e cura dell?Aids, programma sanitario
atto a ridurre la trasmissione tra madre e figlio e avvio di

attività di educazione
alla corretta nutrizione
dei bambini;

Assistenza e Cura degli Orfani, che prevede
la promozione di un?integrazione degli orfani nelle comunità
locali e lo sviluppo di programmi di adozione a distanza;

Sviluppo Locale e Microfinanza: sostegno e
promozione dello sviluppo del territorio e creazione di
opportunità imprenditoriali;

Educazione e Prevenzione, soprattutto in
materia di sessualità e fenomeni discriminatori legati
all?Aids.

Il progetto, nato virtualmente nel dicembre del 2004, è
stato avviato operativamente nel maggio 2005 con la firma di un
protocollo d?intesa col governo malawaiano.

Per il 2006 Project Malawi è stato selezionato tra le
Onlus beneficiarie del contributo de ?La fabbrica del Sorriso?, il
progetto sostenuto da Mediaset, Medusa e Arnoldo Mondadori
Editore.
Proprio in questi giorni, Marco Maiello, responsabile Project
Malawi, è partito alla volta dello stato africano. LifeGate
Radio l’ha raggiunto telefonicamente.

Silvia
Dugo


Ascolta l’intervista a Marco Maiello

 

Articoli correlati