Pura Vida

Riflessioni e incontri. Un viaggio interiore che invita tutti a viaggiare in se stessi e a cercare sempre la libertà.

Ascolta
l’intervista nella puntata di “Internazionale”

“Pura vida” è un saluto in Costa Rica. Equivale al
nostro “ciao”, ma è anche un modo di vivere, di cercare sempre
l’armonia. Perché poi il sottotitolo “Altri racconti
raminghi”? Perché l’autore racconta di altri viaggi che hanno
segnato la sua esperienza personale, di uomo e di viaggiatore.
Viaggi diversi, ma uniti da un comun denominatore: la voglia di
scoprire, di conoscere, la curiosità di confrontarsi con
l’altro, con chi è diverso. Senza paura, ma con l’entusiasmo
di sapere cogliere nuovi pungoli per crescere e accogliere la
bellezza della diversità dell’altro.

 

In “Pura Vida” Andrea Bizzocchi parla della sua esperienza di
quello che viene definito il paese più felice del mondo: il
Costa Rica. Il paese che ama, che ha dato i natali
alle sue figlie, in cui spesso si reca. Il paese in cui dal 1948
non c’è l’esercito e i fondi militari sono stati convogliati
su investimenti socio-culturali.

 

È un libro onesto, a volte anche troppo. Non fa del paese
lontano un mito, anzi, lo racconta a 360 gradi, in tutti i suoi
aspetti, anche i più materiali. L’autore infatti non si
risparmia quando deve parlare degli effetti della globalizzazione
in Costa Rica, facendo un’analisi sociologica che
restituisce gli effetti più concreti e tangibili sulla vita
della popolazione locale e sul suo atteggiamento nel rapportarsi
alla vita e alle cose.

Insomma, Bizzocchi racconta un paese in cui si cerca l’armonia e il
dialogo in un reportage di un viaggio anzitutto
interiore. “Pura Vida” è un insieme di riflessioni e di
incontri, un racconto basato sulla critica sociologica, un viaggio
interiore che invita anche il lettore a viaggiare in se stesso, a
cercare la libertà nella vita di tutti i
giorni. Nella propria mente.

www.andreabizzocchi.it
www.terranuovaedizioni.it

 

Articoli correlati
Tiziano Terzani: lettere contro la guerra

Tiziano Terzani scriveva questo libro tra 2001 e 2002, immediatamente dopo l’attacco alle Torri Gemelle. Ricordiamo il suo lungo pellegrinaggio di pace che non smette mai di essere attuale.