Quando i frigoriferi non esistevano…

Le conserve o ghiacciaie, cosi denominate secondo i tempi e i luoghi, si trovano diffusissime già a partire dal Cinquecento e fino ai primi decenni del Novecento A sollecitare la produzione di ghiaccio fu l’aumentato benessere di larghi ceti della popolazione cittadina con la conseguente apertura di nuove osterie e macellerie. Il ghiaccio raccolto era

Le conserve o ghiacciaie, cosi denominate secondo i tempi e i
luoghi, si trovano diffusissime già a partire dal
Cinquecento e fino ai primi decenni del Novecento
A sollecitare la produzione di ghiaccio fu l’aumentato benessere di
larghi ceti della popolazione cittadina con la conseguente apertura
di nuove osterie e macellerie.

Il ghiaccio raccolto era depositato nelle apposite costruzioni
per essere conservato e venduto nella stagione calda.

Il commercio del ghiaccio terminò verso il 1950, con la
diffusione prima del ghiaccio artificiale, più economico,
poi dei frigoriferi.

Articoli correlati
Salviamo i ciclisti

The Times ha lanciato la campagna in seguito a un grave incidente che ha coinvolto Mary Bowers (nella foto), una giovane giornalista. Ma i ciclisti britannici caduti sulle strade negli ultimi dieci anni, sono stati oltre 1.200. Così alcuni cittadini hanno deciso di chiedere alla politica di impegnarsi per salvare gli amanti della bicicletta. Nello