Relazione uomo, animali e natura

Siamo sicuramente la specie dominante, nonostante la natura, soprattutto negli ultimi anni, cerchi di ricordarci la sua supremazia.

Se partiamo con l’accettazione del nostro essere animali,
facilmente diverrà più comprensibile che, in quanto
animali, apparteniamo a questo pianeta e che, di conseguenza le
sorti del pianeta sono strettamente collegate alle nostri
sorti.

Siamo sicuramente la specie dominante, nonostante la natura,
soprattutto negli ultimi anni, cerchi di ricordarci la sua
supremazia. Ancora non sappiamo difenderci da alluvioni, terremoti,
eruzioni, cicloni, epidemie. Di cui involontariamente siamo la
causa.

La dottoressa Grifo, del “Center for Biodiversity and Conservation”
del Museo di Storia Naturale di New York, ha sollevato una
questione che dovrebbe farci riflettere tutti: i prodotti di
origine naturale impiegati per la salute umana sono circa il 50%
dei farmaci in circolazione.
Quando le ruspe e i trattori tagliano in piccole parti le grandi
foreste centro-africane o sud-americane costruendo le strade per
consentire alle moto seghe di abbattere ettari ed ettari di
foreste, dividono un territorio unico in tanti frammenti impedendo
per esempio la riproduzione.

Un amico mi chiedeva alcuni anni fa perché mi battessi per
la salvaguardia degli elefanti: “Ma a che cosa servono gli
elefanti?”. Gli elefanti sino a trent’anni fa occupavano
interamente il territorio africano concimando ettari ed ettari.
Diverse specie di piante potevano diffondersi grazie al trasporto
fornito dall’apparato digerente degli elefanti. I boschi venivano
sfrondati dagli stessi elefanti, consentendo l’illuminazione e il
rinnovo del tappeto erboso.
Oggi gli elefanti sopravvissuti al grande sterminio compiuto
nell’ultimo ventennio occupano meno del 3% dell’intero continente
africano. I deserti avanzano, le popolazioni costrette da
siccità e carestie migrano.

Rondini e pipistrelli, preziosi insettivori sono quasi scomparsi
dal nostro paese e le zanzare sono invece aumentate in maniera
fastidiosa.

Solo quando capiremo che siamo solo un anello di un programma
più ampio, potremo cominciare a costruire per un mondo
migliore.

Giuli Cordara
Presidente
Animal & Nature Conservation Fund

Articoli correlati
Le citazioni più belle per sempre #3

Le citazioni che LifeGate quotidianamente pubblica sulla sua pagina Facebook sono scelte da libri (veri), antologie, racconti, romanzi e dialoghi di film.

Lo scienziato felice

Per trovare il nostro pensiero non dobbiamo seguire i condizionamenti sociali, ma rimetterli in discussione. Ci sono due tipi di arte: quella che genera piacere e quella che genera felicità.

Balene. Scacco al capitano Achab!

Nonostante la moratoria internazionale alla caccia alle balene, ogni anno migliaia di cetacei muoiono, uccisi dalle baleniere, come accade nel celebre romanzo di Melville. Ma qualcosa sta per cambiare.

Equitazione e bambini

Uno sport utilissimo per la crescita psico-motoria del bambino. Il rapporto con il pony sviluppa anche il senso della responsabilità e dell’amicizia con l’animale.