Reportage della spiritualità

Lindau, Torino 2007

Thich Nhat Hanh è un monaco vietnamita maestro di
spiritualità che vive nel villaggio dei Pruni, da lui
fondato nel 1982 a pochi chilometri da Bordeaux. Si tratta di
un?oasi buddista aperta a tutti, dove gli autori di questo libro
hanno vissuto per un periodo.

Dal libro realizzato, che è una sorta di reportage
dell?anima, si deduce che quello che caratterizza quest?oasi
è la lontananza dall?abitudine e dagli automatismi
dell?occidentalità.
Non si tratta di una setta con a capo un ?guru? alla ricerca di
adepti.
No.

Il monaco vietnamita insegna a coloro che si recano nella sua
comunità ad e-straniarsi, a stupirsi, a rivivere in modo
diverso ciò che prima consideravano ordinario.

Solo in questo modo, riscoprendo la semplicità del
respiro, stupendosi per un fiore che cresce si realizzerebbe la
?Piena consapevolezza? di quello che siamo e significhiamo nel
mondo. Perché ?la causa della sofferenza è
l?ignoranza, un modo distorto di vedere la realtà?.

Dopo aver letto questo libro magari non si andrà nella
comunità dei Pruni, non si diventerà d?un tratto
mistici? ma qualcosa cambierà, seppur in piccole dosi.
E?inevitabile,vedrete, durante la lettura, chiedersi:
?Perché non provare a guardare le cose sotto una luce
diversa??.


Silvia Passini

Articoli correlati
Le citazioni più belle per sempre #3

Le citazioni che LifeGate quotidianamente pubblica sulla sua pagina Facebook sono scelte da libri (veri), antologie, racconti, romanzi e dialoghi di film.

Lo scienziato felice

Per trovare il nostro pensiero non dobbiamo seguire i condizionamenti sociali, ma rimetterli in discussione. Ci sono due tipi di arte: quella che genera piacere e quella che genera felicità.

Balene. Scacco al capitano Achab!

Nonostante la moratoria internazionale alla caccia alle balene, ogni anno migliaia di cetacei muoiono, uccisi dalle baleniere, come accade nel celebre romanzo di Melville. Ma qualcosa sta per cambiare.

Equitazione e bambini

Uno sport utilissimo per la crescita psico-motoria del bambino. Il rapporto con il pony sviluppa anche il senso della responsabilità e dell’amicizia con l’animale.