Rivoluzione nella depurazione dell’acqua

Presentata in questi giorni da IBM una nuova membrana che utilizza una tecnica chimica esclusiva per filtrare l’acqua.

Come funziona? La nuova membrana utilizza una tecnica chimica
esclusiva: quando l’acqua contaminata passa attraverso la membrana,
vengono eliminati per filtrazione i sali e una serie di tossine,
consentendo il passaggio solo di acqua potabile pura. Si crea
così un'”autostrada idrica”, molto più efficiente di
altri approcci alla filtrazione.

Questo ed altri progetti rientrano nella più ampia
visione di IBM per un pianeta più intelligente e anche una
gestione idrica intelligente rientra a pieno titolo in questo
programma.
Un esempio è certamente la collaborazione con The Nature
Conservancy, per sviluppare sistemi informatici che consentiranno
alle aziende di approfondire la conoscenza delle conseguenze
ambientali e sociali del proprio consumo idrico: “Promuovendo
pratiche di gestione idrica sostenibili – ha spiegato Brian
Richterb, Director del Global Freshwater Team del The Nature
Conservancy – le aziende e i comuni saranno in grado di prendere
decisioni migliori, a beneficio sia delle comunità locali
che della natura”.

Ma non solo. IBM sta collaborando con le amministrazioni
olandesi, per creare una rete e un sistema di predizione e
protezione per le depressione costiere e i delta fluviali, mentre a
New York collabora con il Beacon Institute of Rivers and Estuaries,
per il monitoraggio e la previsione per il fiume Hudson.

L’acqua si trova ovunque, nell’aria, nella terra, nei nostri
corpi, nella nostra economia. Gestirla in maniera intelligente
è fondamentale per far sì che sia una risorsa per
tutti.

Rudi Bressa

Articoli correlati