Rock Files Today – 01 Gennaio – Hank Williams

Oggi, 1 gennaio 1953 – Oak Hill, West Virginia Sono le 7 del mattino quando i medici del pronto soccorso dell’ospedale locale certificano il decesso di Hiram King Williams, detto Hank Williams, 29 anni, superstar della country music.


Oggi, 1 gennaio 1953
Oak Hill, West Virginia
Sono le 7 del mattino quando i medici del pronto soccorso
dell’ospedale locale certificano il decesso di Hiram King Williams,
detto Hank, 29 anni, superstar della country music.
Da quasi 36 ore, Hank Williams è in giro sulla sua Cadillac
guidata dal giovanissimo chauffeur Charles Carr.
Da Montgomery, Alabama, i due avrebbero dovuto raggiungere Canton,
Ohio, per un matinée di capodanno.
Il tempo è pessimo, nevica e fa un freddo boia. I voli aerei
sono sconsigliati: non resta che sorbirsi una massiccia dose di ore
in macchina.
Dopo il concerto di Montgomery del 30 dicembre, Hank Williams
soffre di un fortissimo mal di schiena. Quei dolori ce li ha spesso
e c’è un solo mezzo per lenirli: la morfina. Si sdraia sui
sedili posteriori della Cadillac e chiede a Carr di portarlo da un
medico. Prima però deve passare da un paio di stazioni
radiofoniche di Birmingham per interviste.
Nevica molto forte e Hank sta sempre peggio.
Non c’è modo di prendere un aereo: anche il volo da
Knoxville. Tennessee viene cancellato. Carr porta allora il suo
celebre passeggero all’Andrew Jackson Hotel di Knoxville: Hank
Williams è talmente messo male che ha bisogno di due
facchini per essere portato nella sua camera. Una volta lì,
però, non rinuncia al suo quotidiano appuntamento con la
bottiglia di whisky.
Intanto un medico arriva, gli fa due iniezioni di morfina e
vitamina B12.
Carr chiama il manager di Hank: gli comunica che non riusciranno
mai ad arrivare in tempo per lo show di mezzanotte a Charleston.
Non resta altro che cancellare l’impegno e andare diritti a Canton
per il matinée delle 2 di pomeriggio del giorno di
capodanno.
Altri due facchini riportano Hank in auto: il corpo appare freddo,
rigido.
I due porter coprono il musicista con il suo stesso cappotto e gli
incrociano le braccia sul petto.
Manca un’ora alla mezzanotte.
Carr guida altre 12 ore prima di giungere a Oak Hill e scoprire la
terribile verità.
Probabilmente, Hank Williams era morto qualche ora prima, vittima
del suo sciagurato stile di vita e di una serie di circostanze
misteriose che (anche 50 anni dopo) non sono mai state
chiarite.

Articoli correlati
Rock Files Live! presenta: Lou, this is for you

Lunedì 13 gennaio prima puntata dell’anno per i Rock Files Live. Ezio Guaitamacchi e LifeGate presentano “Lou, this is for you”, una serata dedicata a uno degli artisti più importanti della storia del rock.

Rock Files Live! Alberto Radius

Nuovo appuntamento con i Rock Files Live! Sul palco del Memo Restaurant Music Club, ospite di Ezio Guaitamacchi, lunedì ci sarà Alberto Radius.

Rock Files Live! presenta L’Orage

Sul palco del Memo Restaurant Music Club lunedì per la puntata di Rock Files Live! L’Orage, che presenteranno il loro primo disco ufficiale L’Età dell’Oro.