Rock Files Today – 06 Marzo – Charles Manson

Oggi, 6 Marzo 1970 – Los Angeles, California Esce, con enorme sorpresa, il long playing Lie (bugie). Sottotitolo: The Love And Terror Cult (il culto del terrore e dell’amore). Charles Manson, un balordo che ha trascorso più di 20 dei suoi 32 anni in carcere, cova (tra le altre) una forte passione per la musica.

Rock Files Today – 06 Marzo – Charles Manson


Oggi, 6 Marzo 1970
Los Angeles, California
Esce, con enorme sorpresa, il long playing Lie (bugie).
Sottotitolo: The Love And Terror Cult (il culto del terrore e
dell’amore).
Lo ha prodotto in fretta e furia Phil Kaufmann perché
l’autore/interprete (Charles Manson), in questo momento, è
l’imputato principale di quello che i media americani hanno
definito “il processo del secolo”.
Manson e i ragazzi che fanno parte della comune hippy denominata
“The Family”, la notte del 8 agosto 1969 hanno massacrato l’attrice
Sharon Tate, 27 anni – incinta di 8 mesi – moglie del regista Roman
Polansky. Insieme alla nuova stellina hollywoodiana, nella sua
villa di Bel Air, vengono uccisi anche altri 4 amici di della
coppia Tate/Polansky. Sulla porte di casa, scritta col sangue della
bella Sharon, la parola PIG (maiale). La notte successiva, un’altra
strage: vittime i coniugi Leno e Rosemary LaBianca. Stessa
efferatezza, stessi simbolismi: sui muri di casa LaBianca, scritte
col sangue delle vittime le parole RISE, PIGS e HELTER SKELTER,
parole che rimandano ai versi delle canzoni del White Album dei
Beatles di cui, si diceva Manson fosse un ossessionato
ammiratore.
Charles Manson, un balordo che ha trascorso più di 20 dei
suoi 32 anni in carcere, cova (tra le altre) una forte passione per
la musica. Attraverso il suo fare da guru, grazie all’avvenenza e
alla disponibilità delle giovani ragazze che riesce a
plagiare, Manson conosce Dennis Wilson, batterista dei Beach
Boys.
Lo convince che lui è un songwriter di classe.
Dennis lo aiuta a produrre una registrazione negli studi di Van
Nuys, quelli che suo fratello Brian Wilson usa per le fantastiche
creazioni sonore dei Beach Boys.
E anche se i Beach incidono un brano scritto da Manson (al quale
cambiano il titolo e un paio di strofe), il vecchio Charlie (come
songwriter) non pare essere niente di che. I suoi pezzi
strampalati, le sue liriche improbabili suonano affascinanti solo
ai ragazzi della Family. Eppure, Terry Melcher (il produttore dei
Beach Boys) – inizialmente stregato da Manson – gli aveva promesso
un contratto discografico.
Che però non è mai arrivato.
Forse, anche per questo, Charlie Manson ha cercato un’altra strada
per giungere alla celebrità. Quella del crimine.

Articoli correlati
Rock Files Live! presenta: Lou, this is for you

Lunedì 13 gennaio prima puntata dell’anno per i Rock Files Live. Ezio Guaitamacchi e LifeGate presentano “Lou, this is for you”, una serata dedicata a uno degli artisti più importanti della storia del rock.

Rock Files Live! Alberto Radius

Nuovo appuntamento con i Rock Files Live! Sul palco del Memo Restaurant Music Club, ospite di Ezio Guaitamacchi, lunedì ci sarà Alberto Radius.

Rock Files Live! presenta L’Orage

Sul palco del Memo Restaurant Music Club lunedì per la puntata di Rock Files Live! L’Orage, che presenteranno il loro primo disco ufficiale L’Età dell’Oro.