Rock Files Today – 30 Dicembre – Diana Ross

ì


Oggi, 30 Dicembre 2002
Tucson, Arizona
Diana Ross, la diva del soul, è al volante della sua auto
alla periferia nord-orientale della città dell’Arizona.
Ha bevuto troppo e guida contromano.
Un automobilista avvisa la polizia.
Una pattuglia raggiunge la Ross e le intima di accostare.
La cantante è sottoposta al test dell’alcolimetro: il
livello di alcol nel sangue è pari allo 0,20% contro un
massimo di 0,08 previsto dalla legge dell’Arizona. Diana è
nei guai: è un reato punito fino a un massimo di 6 mesi di
reclusione.
L’udienza ha luogo nel febbraio del 2004.
La Ross non appare fisicamente, ma è collegata
telefonicamente col giudice T. Jay Cranshaw. È raggiunto un
accordo: la cantante non si dichiara né innocente né
colpevole; in cambio, riceve un generoso sconto di pena. La
sentenza prevede 10 giorni e 852 dollari di spese. Otto giorni
vengono condonati, gli altri due devono essere scontati in una
struttura correttiva.
La struttura prescelta è la stazione di polizia di
Greenwich, Connecticut, non lontana dall’abitazione della
cantante.
A causa della mancanza di personale, Ross sconta la pena in due
tranche di 24 ore ciascuna. Il giudice dell’Arizona non è
soddisfatto e afferma che la pena va scontata per 48 ore
consecutive. Infine, nell’aprile del 2004 viene deciso che Ross non
dovrà passare altro tempo in cella. È definitivamente
libera.

Articoli correlati
Rock Files Live! presenta: Lou, this is for you

Lunedì 13 gennaio prima puntata dell’anno per i Rock Files Live. Ezio Guaitamacchi e LifeGate presentano “Lou, this is for you”, una serata dedicata a uno degli artisti più importanti della storia del rock.

Rock Files Live! Alberto Radius

Nuovo appuntamento con i Rock Files Live! Sul palco del Memo Restaurant Music Club, ospite di Ezio Guaitamacchi, lunedì ci sarà Alberto Radius.

Rock Files Live! presenta L’Orage

Sul palco del Memo Restaurant Music Club lunedì per la puntata di Rock Files Live! L’Orage, che presenteranno il loro primo disco ufficiale L’Età dell’Oro.