Al Sonar LifeGate Radio e Red Bull Music Academy

Denominatore comune: nuovi suoni. Su LifeGate Radio.

Tre giorni di musica, dj, nuovi suoni, arti elettroniche a
Barcellona. La capitale catalana dal 14 al 16 giugno ospita la
diciannovesima edizione del Sónar, “Festival Internacional
de Música Avanzada y New Media Art”. Due le location
principali, il Sónar de Día, durante il giorno al
Museu d’Art Contemporani de Barcelona, e le sessioni notturne,
negli amplissimi padiglioni della Fiera di Barcellona.

L’impatto culturale del festival
A riprova del
suo notevole impatto sulla scena musicale europea, da quest’anno il
Sónar si fa in quattro, con gli altri appuntamenti che si
sono già svolti a San Paolo, Tokyo e Cape Town.
Anno dopo anno qui si incontrano le nuove leve della musica, il
meglio dell’avanguardia a cavallo tra diversi generi, tendenze,
suggestioni, idee. Musica elettronica ma non solo: negli anni
scorsi Sónar ha saputo portare sul palco artisti come I
Divo, Grace Jones, i Kraftwerk. C’è sempre un grande nome
dell’avanguardia del passato: quest’anno sono i New Order.
Ogni anno il meglio è qui, e si spiega così la
crescita nel numero dei partecipanti e la vasta eco poi che si
riverbera in tutta la scena culturale continentale. E’ un
amplificatore di realtà che altrimenti potrebbero rimanere
circoscritte a un più ridotto contesto musicale e
geografico.

Il ruolo di Red Bull Music Academy
In questa
inarrestabile tensione di ricerca del ‘nuovo’ – nuove energie,
nuove voci, nuovi suoni – Sónar dà spazio a
realtà consimili, amiche, sulla stessa lunghezza d’onda:
“Penso a determinate etichette discografiche – spiega Giacomo De
Poli, autore di
The Bridge
e selezionatore musicale di LifeGate Radio
– che hanno sempre la possibilità di promuovere e far
conoscere il loro roster di artisti. Penso a media come Radio 1
della Bbc: per molte edizioni è stato affidato un intero
palco alla sua celebre conduttrice Marienne Hobs, portabandiera dei
nuovi suoni metropolitani britannici. E, tra i partner storici,
penso a quel ‘master itinerante’ che è Red Bull Music
Academy che seleziona, pescandoli da ogni parte del mondo, alleva e
lancia quelli che potrebbero essere i talenti del nostro domani,
accompagnandoli fino alla ribalta internazionale. Esempio di casa
nostra? Gli Esperanza, un trio formato da Carlo, Sergio, Matteo,
anche loro nati in seno all’Academy”.
All’interno della location giornaliera c’è un palco, il
SonarDôme, curato dalla Red Bull Music Academy
(antipasto della 15esima edizione dell’Academy che si
terrà
a New York ad ottobre
)
. Tra i molti ospiti che saranno
presenti: Flying Lotus (lui stesso era stato un allievo della
RBMA), DJ Harvey, Nina Kraviz, xxxy, Esperanza, Om Unit,
NGUZUNGUZU, Doc Daneeka, Brenmar, DJ Spinn & DJ Rashad.

Il ruolo di The Bridge e LifeGate
Radio
The Bridge è il programma che da otto anni
su LifeGate Radio ospita “novità, rivisitazioni,
contaminazioni, remix”. “La partnership con Red Bull Music Academy
è nata da questa comune passione per il contesto sonoro che
sentiremo a Barcellona, a New York, che sentiamo sulla Bbc e di cui
si occupa l’Academy. Essendo vetrina di quello che potrebbe essere
il futuro di LifeGate Radio, si è deciso di collaborare,
condividere, intraprendere insieme la strada che ci porterà
fino a New York, a ottobre”. Uno scambio di contenuti: sentiremo,
all’interno di The Bridge, i contenuti di Red Bull Music Academy in
un flusso di comunicazione biunivoco, e – unica radio in FM – due
volte al mese avrà una coda di un’ora che arriva
direttamente daglia archivi della RBMA Radio. 

Articoli correlati