Blue Earth, l’eco telefonino

Blue Earth si presenta con un design accattivante, simile ad un ciottolo piatto, dai contorni arrotondati e dai colori che ricordano quelli della Terra vista dallo spazio: blu ed azzurro.

“Blue Earth è un prodotto eccezionale – esordisce Lorenzo
d’Amato, Product Manager Telecomunication Network di Samsung – sia
dal punto di vista del design che delle prestazioni. Offre un mix
perfetto tra sostanza e stile ed è indirizzato a consumatori
ecoconsapevoli, ma che vogliono differenziarsi con un oggetto ad
alta tecnologia”.

Blue Earth si presenta con un design accattivante, simile ad un
ciottolo piatto, dai contorni arrotondati e dai colori che
ricordano quelli della Terra vista dallo spazio: blu ed azzurro. La
tastiera è sostituita da un full touchscreen ed è
costruito interamente senza l’ausilio di materiali nocivi e
tossici; quindi niente ritardanti di fiamma, niente berillio o
ftalati.

Ma la caratteristica che più colpisce è certamente
il pannello fotovoltaico, utile per ricaricare il cellulare nei
casi di necessità: “caricando la batteria grazie all’energia
del sole per circa un’ora, è possibile fare un telefonata di
un quarto d’ora – sottolinea Lorenzo d’Amato. “E, cosa più
importante, abbiamo calcolato che, utilizzando il telefono per due
anni e ricaricandolo un’ora al giorno con il sole, si risparmiano
40 tonnelate di CO2″.

Oltre a queste caratteristiche, di per sé uniche, è
possibile configurare il cellulare in modalità “Eco”:
regolazione dei consumi energetici, della luminosità dello
schermo, della durata della retro-illuminazione.

Ma non solo. Blue Earth verrà commercializzato all’interno
di un packaging ridotto al minimo, in carta riciclata e
riutilizzabile. Il carica batterie consumerà, in stand-by,
meno di 0,03 Watt e, a carica effettuta, staccherà
l’alimentazione.

Esiste poi una particolare funzione, chiamata “Eco-Walk”. Un
contapassi, di quelli usati da chi magari fa sport regolarmente,
consente di contare letteralmente i passi, calcolando così
la CO2 che si è evitato di immettere in atmosfera,
scegliendo una passeggiata al posto di un veicolo a benzina.

“È la chiara dimostrazione – afferma d’Amato – del grande
interesse di Samsung verso un comportamento ecosostenibile, rivolto
a tutto il ciclo di vita dei prodotti. È una filosofia che
abbraccia tutti i livelli produttivi, per pensare all’ambiente come
fonte principale”.

 

Articoli correlati