Se trovi un cane abbandonato: che fare?

L’asfalto bolle. Il sole picchia. Improvvisamente, sulla strada, notiamo una sagoma barcollante.

Cosa fare per prestare soccorso a un animale impaurito, sperduto,
abbandonato? Anzitutto, bisogna prenderlo. Per fare ciò
è necessario infondere fiducia al cane. Come? Per esempio,
chiamandolo restando accucciati. Evitare, assolutamente, i
movimenti bruschi e gli scatti. Spaventano l’animale. Bisogna
muoversi lentamente. Se il cane è diffidente, dobbiamo
essere disposti a perderci anche delle mezz’ore. Bisogna avere
pazienza. Parlare col cane. Tranquillizzarlo. Tentare piano di
avvicinarlo e accarezzarlo. E’ del tutto controproducente corrergli
incontro. Naturalmente, fondamentale è toglierlo dalla
situazione di rischio. È necessario attrarlo verso un’area
sicura, come ad esempio in mezzo a un campo, ed allontanarlo dalla
strada. L’ideale sarebbe di avere sempre in auto una scatoletta di
cibo ed un guinzaglio. Offrire del cibo è spesso una mossa
vincente.

È aggressivo / impaurito
Se il cane è impaurito o aggressivo è indispensabile
l’apporto dell’accalappiacani o dei vigili urbani. Bisogna allora
circoscrivere l’animale in un’area ben definita per poi telefonare
al canile, alla Ussl o alla Vigilanza Urbana. Se è orario
festivo o di chiusura degli uffici, nelle grandi città, si
troveranno solo i vigili urbani. Solo loro sono autorizzati a
chiamare le persone reperibili, ovvero gli addetti
all’accalappiamento. Che devono sempre essere a disposizione.
Sarà quindi indispensabile far uscire la Vigilanza, cosa non
facile. Bisogna insistere, dicendo semplicemente di aver visto un
cane attraversare più volte la strada, con grave rischio di
incidenti. I vigili urbani sono obbligati a intervenire dal
regolamento di Polizia Veterinaria.

È docile
Se, invece, il cane è docile e viene con voi, è
opportuno controllare l’eventuale medaglietta o il tatuaggio posto
sull’orecchio o all’interno della coscia. Se l’animale non ha segni
di riconoscimento, si possono fare due cose: o adottarlo o portarlo
al canile sanitario municipale più vicino. A meno che non si
constati che è un lager. Chiamando il 12 della Telecom
potrete ottenere il numero telefonico. Perché portarlo al
canile municipale? E’ proprio lì che l’eventuale
proprietario che ha smarrito il cane andrà a cercarlo. Ma
c’è ancora qualcosa da fare. Primo: premurarsi di affiggere
nella zona del ritrovamento dei manifestini con le caratteristiche
del cane ritrovato ed il numero telefonico al quale fare
riferimento. Secondo: contattare le associazioni protezionistiche
della zona per comunicare l’avvenuto ritrovamento.

È ferito
E se l’animale è ferito? Prima di tutto, allora, è
necessario recarsi velocemente da un veterinario. Come trovarlo in
una zona sconosciuta? Ecco: la Scivac -Società culturale
italiana Veterinari- ha attivato un servizio telefonico gratuito,
al quale risponde 24 ore su 24. Se avete bisogno di un veterinario
in qualunque zona d’Italia chiamate il numero telefonico
800-013075.

Edgar Meyer, Stefano Apuzzo

Articoli correlati
Conto termico: stanziati gli incentivi

E’ stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il decreto che stanzia i circa 900 milioni di euro l’anno per migliorare le prestazioni energetiche degli edifici esistenti, attraverso un sistema di incentivi…

Il fotovoltaico diventa solidale

Conergy, azienda tedesca con sede anche nel nostro Paese, ha realizzato un nuovo impianto fotovoltaico per la Yaowawit School and Lodge, la casa di accoglienza e di formazione gestita dall’organizzazione…

La Bp pagher

La Bp ha ammesso le sue colpe e ha deciso di mettere la parola fine ai negoziati con i delegati dell’amministrazione Obama. La società britannica si è dichiarata colpevole dell’intero…

Il sole in Val di Non produce elettricit

Un impianto da 511,20 kWp di potenza in grado di produrre più di 500 MW all’anno, arrivando a coprire più del 34% del fabbisogno energetico dello stabilimento di produzione della…