Sete di… verde

Chimicamente simile all’emoglobina, la clorofilla influisce sulla formazione del sangue, è quindi il colore verde a fare da padrone nel benessere fisico

Per il regno umano ed animale, le piante rappresentano lo strumento che permette all’energia solare, indispensabile alla vita sulla terra, di esser raccolta e distillata per giungere fino a noi. La clorofilla, il caratteristico pigmento del regno verde, è il mezzo attraverso cui, in presenza di luce, si compie il miracolo della fotosintesi, quel processo grazie al quale l’energia luminosa si rende disponibile alla vita.

Presente nei cloroplasti delle foglie e delle parti giovani del fusto delle piante – praticamente in tutte le specie vegetali ad eccezione dei funghi – la clorofilla presenta una stretta relazione, da un punto di vista chimico, con l’emoglobina del sangue, la sostanza rossa che porta l’ossigeno alle cellule. Differisce da quest’ultima solo per la presenza di un atomo di magnesio al posto di quello di ferro, che caratterizza invece le specie animali.

Da un punto di vista fisico, la clorofilla è verde e presenta una fluorescenza rossa (il rosso ed il verde sono infatti colori complementari); al contrario, l’emoglobina è rossa e presenta una fluorescenza verde.

Estratta dall’erba medica e da altri vegetali, la clorofilla è resa disponibile come integratore alimentare in forma liposolubile o come polvere da scogliere in acqua.

Principalmente attiva come ricostituente nelle anemie, aiuta la formazione dei globuli rossi e la disintossicazione degli organi, facilitando le reazioni del metabolismo cellulare. Revitalizza il sistema vascolare delle gambe e migliora i problemi dovuti alle vene varicose.

Aiuta a ridurre gli stati infiammatori, è un ottimo coadiuvante nei problemi respiratori come rinite e sinusite e migliora il decorso dell’influenza.

Per il suo effetto tonico, porta giovamento negli stati depressivi, migliora i sintomi di colite, gastrite, ulcera e favorisce l’assorbimento del calcio.

Utile per regolarizzare le mestruazioni, giova anche ai diabetici e aiuta le ferite a cicatrizzare più velocemente.

 

Articoli correlati