Shell la deve pagare

La National oil spill detection and response agency (Nosdra) ha confermato che la perdita è stata causata da una falla in un tubo flessibile per l’esportazione del petrolio. Circa 40mila…

La National oil spill detection and response
agency
(Nosdra) ha confermato che la perdita è
stata causata da una falla in un tubo flessibile per l’esportazione
del petrolio. Circa 40mila i barili finiti in acqua che hanno
provocato danni a una superficie di 950 kmq.

Secondo la Shell, però, non ci sarebbero le basi
legali per il provvedimento. L’intervento per evitare gravi
ripercussioni all’ecosistema marino sarebbe stato portato avanti
con professionalità e con il consenso delle autorità
nigeriane. Ma secondo un rapporto del Programma delle
Nazioni Unite per l’ambiente
la compagnia
anglo-olandese non avrebbe fatto il necessario per ripulire l’area
e investe ancora troppo poco per la manutenzione delle sue
strutture.

Articoli correlati