ZANZARE…Si salvi chi può

Ogni anno le zanzare affollano le nostre estati. Ci procurano fastidiose punture e non ci fanno dormire la notte. Ma i prodotti che usiamo per proteggerci, cosa contengono? Vediamo le alternative.

Puntualmente, ogni estate, le zanzare si ritrovano in massa a
banchettare tra le nostre mura domestiche. E puntualmente i media
iniziano a martellare con il solito tam-tam, sfoderando ogni estate
prodotti nuovi che non puzzano, non ungono, escono direttamente da
un campo di margherite, si possono usare di giorno, di notte.

Ma ci siamo mai chiesti
cosa c?è dentro
? E quali sono i rischi per la
salute?

Basta leggere alcune delle etichette per rendersene conto.

Alletrina, dietiltoluammide, queste principalmente le sostanze
contenute in lozioni, piastrine e spirali.

Dalle Schede Internazionali di Sicurezza Chimica, risulta che
questi agenti ?non devono contaminare cibi o bevande?;
che ?si deve areare il locale prima di soggiornarvi? (visto che ci
mangiamo o dormiamo!);
che ?non è consentito l?utilizzo durante la permanenza in
locali chiusi? (mah?!); che ?è sconsigliata l?esposizione
continuata a persone sensibili? (bambini,asmatici);
?non toccare con le mani mentre è in funzione?. E si
potrebbe continuare.

Secondo i dati tratti dall?articolo di Mimmo Tringale su “Aam
Terra Nuova” di luglio-agosto ’07, si tratterebbe di sostanze che
?provocano, nell?11 per cento di chi le ha utilizzate, disturbi
quali: difficoltà nella respirazione, mal di testa,
irritazioni oculari, affanno e asma. In particolare, in soggetti
lungamente esposti, si è evidenziato un fenomeno di
ipereccitazione del sistema nervoso centrale?.

?Inoltre la dietiltoluammide viene facilmente assorbita dalla
pelle e poi immessa nel circolo sanguigno, registrandone una
concentrazione, dopo poche ore, di 3 milligrammi per litro di
sangue?.


Che fare allora
?

Innanzitutto utilizzare, dove possibile, le care e vecchie
zanzariere.
Un bel vaso di geranio può aiutare a tener lontani questi
insetti.
Se non bastasse, esistono in commercio vari tipi di lozioni e oli
essenziali composti da sostanze naturali, come la
citronella
e l?eucalipto.

Anche la natura fa la sua parte! I pipistrelli, che di sera
escono per trovare cibo, sono estremamente ghiotti di questi
insetti. Ogni notte infatti, un solo individuo mangia da 2.000 a
3.000 zanzare. Per questo motivo a Senigallia, ma anche a Fiesole e
altri comuni sparsi in Italia, verranno posizionate alcune
?bat-box?, cioè casette appositamente studiate per offrire
un riposo diurno ai pipistrelli, nel tentativo di agevolare la
ripopolazione di questo pacifico e utile mammifero volante.

Non ci resta che godere delle ?notti di mezza estate?, con o
senza zanzare!

Rudi
Bressa

Articoli correlati