Sigaretta nemica delle donne

Il fumo di sigaretta è un grande nemico delle donne. Non solo per i danni polmonari e vascolari e per la correlazione ad alcuni tipi di

Il fumo di sigaretta è un grande nemico delle donne. Non solo per i
danni polmonari e vascolari e per la correlazione ad alcuni tipi di
tumore, ma anche per le insidie alla bellezza: il fumo espone la
pelle ad invecchiare precocemente, a sviluppare prima le macchie
senili e a riempirsi di rughe.

Se però tutte queste considerazioni non hanno ancora
convinto la madre sarà forse il bimbo a permettere questo
salto di qualità nella vita. La nicotina infatti passa il
filtro placentare e arriva al feto. La placenta invecchia
precocemente e diventa un cattivo filtro di ossigeno per il bimbo,
perde vascolarizzazione, rimpicciolisce.

La placenta è il grande polmone fetale, attraverso questo
organo la madre passa al piccolo nutrimento e ossigeno, fino alla
nascita, momento in cui il bimbo impara a respirare e a nutrirsi da
sé. Fumare significa ridurre gli scambi materno-fetali e
invalidare la crescita dei bimbi. I rischi maggiori sono tre:

1) il neonato può nascere gravemente sottopeso ed essere
trattenuto presso l?ospedale, nel reparto di neonatologia, sotto
osservazione medica. Questa ospedalizzazione rischia di
compromettere anche l?allattamento che necessita di un continuo
stimolo di suzione per avviarsi nelle giuste quantità.
2) Il neonato rischia di nascere prematuro, ossia prima della data
prevista per il parto. Il corpo intelligente infatti capisce che la
placenta invecchia precocemente e sente in questa forma di
senescenza precoce un?insidia per la crescita fetale.
3) I bimbi nati in famiglie di fumatori hanno un rischio maggiore
di morte in culla. Questo è importante perché
responsabilizza tutta la famiglia e anche gli amici che vengono in
visita a casa. Dove c?è un neonato è vietatissimo
fumare, le conseguenze possono essere davvero drammatiche.

Queste gravissime complicanze sono davvero troppo importanti per
essere ignorate: meglio una buona responsabilizzazione e tanta
forza di volontà. Il piccolo dentro la pancia ne sarà
molto grato!

Dottoressa Stefania Piloni
Medico omeopata esperto in medicina naturale
Direttore sanitario LifeGate Medicina Olistica

Articoli correlati