Sole.Tintarella in punta di forchetta

Diverse ricerche hanno individuato negli alimenti numerosi fattori che, introdotti nell’organismo, contribuiscono a proteggere la pelle dall sole.

Attenzione al sole dell’estate. La pelle rappresenta un vero e
proprio capitale per la salute e la giovinezza di tutti, uomini e
donne, anziani e bambini. Meglio organizzarsi in anticipo per
rafforzarla e prepararla alle abbronzature che avete in programma
per le vacanze.

Con la dieta possiamo fornire alla pelle degli elementi preziosi,
che una volta metabolizzati contribuiranno a creare il naturale
filtro protettore ai raggi solari, costituito dalla melanina, la
molecola responsabile della pigmentazione, ma soprattutto della
protezione dell’epidermide.

Il betacarotene, vitamina E e i polifenoli sono un esempio degli
alimenti più adatti a difendere la pelle dall’aggressione
dei raggi solari. Arricchire la dieta con alimenti che li
contengono in grande quantità, almeno qualche mese prima di
partire per luoghi assolati può rivelarsi estremamente
utile.

Beta-carotene: è presente specialmente
nelle carote, albicocche, zucchine, e pomodori. In prevalenza sono
i vegetali dal color arancione fino al rosso contenerne di
più. Nel corpo umano questa la molecola accelera la
produzione di melanina, pigmento elaborato da speciali cellule
protettive dell’epidermide, chiamate melanociti. Il beta-carotene
prolunga la durata dell’abbronzatura, contribuisce a proteggere
l’organismo dai radicali liberi, riconosciuti come i principali
responsabili del processo d’invecchiamento cellulare, pelle
compresa.

Vitamina E: tutte le vitamine sono degli ottimi
fattori di protezione della pelle.
La E, in particolare, interviene nei processi di rigenerazione e
ricostruzione delle membrane cellulari ed è un’ottima
“cacciatrice” di radicali liberi. L’associazione con il
beta-carotene permette una protezione ottimale della pelle. Tutti i
semi oleosi ne sono particolarmente ricchi (noci, mandorle,
nocciole), ma anche il germe di grano e l’olio da esso estratto,
come pure l’olio di oliva.

Polifenoli: la moderna cosmesi è molto
interessata a questo gruppo di sostanze, estratte soprattutto dai
semi dell’uva. Impediscono l’ossidazione cellulare, stabilizzano le
fibre collagene e di conseguenza rafforzano la morbidezza e la
consistenza del derma. È presente, come si diceva prima,
soprattutto nei semi dell’uva e anche nei mirtilli.

Articoli correlati