State of the World 2005. Sicurezza globale

Edizioni Ambiente, 2005Il libro

La povertà di milioni di persone. Malattie e, nei paesi
poveri, epidemie. Il degrado degli ecosistemi, la diffusione degli
armamenti e la sempre più accesa competizione per il
petrolio e le altre risorse: questi “problemi senza passaporto”
creano le condizioni ideali per tensioni politiche,
conflittualità, estremismo.

Così il mondo va verso una pericolosa spirale.

Per affrontare queste sfide, afferma il rapporto
State of the World 2005
– è necessario dare
priorità ai programmi di prevenzione, non all’intervento
militare.

Gli investimenti strategici nell’energia sostenibile, nella
sanità, nella protezione dei sistemi ecologici,
nell’educazione, nel lavoro e nella riduzione della povertà
possono favorire la pace nel mondo.

Michael Renner e Hilary French, direttori del progetto
editoriale che ha portato a questa edizione di
State of the World 2005
, affermano: “L’attuale
ossessione per la lotta al terrorismo ha messo in ombra minacce ben
più gravi, che adesso incombono su di noi”. “Un mondo
più sostenibile ed equo è un mondo più sicuro.
Anziché continuare a sviluppare i loro ‘muscoli’ militari, i
governi dovrebbero raddoppiare gli sforzi per la salvaguardia
dell’umanità e dell’ambiente, concentrarsi sul disarmo,
sulla ricostruzione dopo i conflitti, e orientare le Nazioni Unite
vero le sfide della sicurezza.”

Dopo l’introduzione “Sicurezza e sostenibilità” del
curatore dell’edizione italiana Gianfranco Bologna e la prefazione
di Mikhail Gorbaciov, l’intervento del presidente del Wordlwatch
Institute Christopher Flavin e “un anno in rassegna” di Lori Brown,
ecco i contenuti del libro, in sommario:

Michael Renner
1. Ridefinire il concetto di sicurezza
Le
radici dell’insicurezza
Cattivi vicini e vulnerabilità condivise
Controllare le armi, disinnescare i conflitti
L’impatto della guerra sul terrorismo
Principi per un mondo più sicuro
DIETRO LE QUINTE Il crimine transnazionale

Lisa Mastny e Richard P. Cincotta
2. La relazione tra popolazione e
sicurezza
Scontro di età
Cresce la minaccia dell’AIDS
La rapida crescita urbana
La competizione per l’acqua e i terreni coltivabili
Limitazione dei rischi e progresso
DIETRO LE QUINTE I rifugiati ambientali

Dennis Pirages
3. Arginare le malattie infettive
Le dinamiche
delle epidemie
Lo stato della “microsicurezza”
Le conseguenze economiche delle malattie infettive
Gestire le future epidemie
DIETRO LE QUINTE Bioinvasioni

Danielle Nierenberg e Brian Halweil
4. Coltivare la sicurezza
alimentare
Biodiversità agricola a rischio
Paure alimentari
Cambiamenti climatici
Nuovi approcci per nuove minacce
DIETRO LE QUINTE Veleni chimici

Aaron T. Wolf, Annika Kramer, Alexander Carius,
Geoffrey D. Dabelko
5. La gestione dei conflitti per l’acqua
Questioni chiave
Bacini internazionali
Conflitti nazionali
Impatti locali
Capacità istituzionale: il fulcro del problema
Verso una gestione cooperativa dell’acqua
DIETRO LE QUINTE Ricchezza di risorse e conflitti
DIETRO LE QUINTE Le responsabilità del settore privato

Tom Prugh, Christopher Flavin, Janet L. Sawin
6. Trasformare l’economia del petrolio
Un bene
strategico
Il petrolio e la sicurezza dell’economia globale
Il petrolio e la sicurezza civile
Il petrolio e la sicurezza climatica
Il mondo a un bivio
DIETRO LE QUINTE L’energia nucleare

Michael Renner
7. Disarmare le società dei
dopoguerra
Un “far west” globale
Vendere, saccheggiare e contrabbandare
Una risposta finora inadeguata
Dalla vita di combattente alla vita civile
DIETRO LE QUINTE Le armi chimiche
DIETRO LE QUINTE La proliferazione del nucleare

Ken Conca, Alexander Carius, Geoffrey D. Dabelko
8. Custodire insieme l’ambiente, costruire insieme la
pace
Ambiente e conflitto
Perché l’ambiente?
La cooperazione ambientale come strumento di pace
Altre sfide
Dare concretezza al peacemaking ambientale
DIETRO LE QUINTE Gli impatti della guerra sull’ambiente

Hilary French, Gary Gardner, Erik Assadourian
9. Costruire le fondamenta della
pace
Reinventare una governance globale
Ridefinire le priorità
Coinvolgere la società civile


Articoli correlati
Conto termico: stanziati gli incentivi

E’ stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il decreto che stanzia i circa 900 milioni di euro l’anno per migliorare le prestazioni energetiche degli edifici esistenti, attraverso un sistema di incentivi…

Il fotovoltaico diventa solidale

Conergy, azienda tedesca con sede anche nel nostro Paese, ha realizzato un nuovo impianto fotovoltaico per la Yaowawit School and Lodge, la casa di accoglienza e di formazione gestita dall’organizzazione…

La Bp pagher

La Bp ha ammesso le sue colpe e ha deciso di mettere la parola fine ai negoziati con i delegati dell’amministrazione Obama. La società britannica si è dichiarata colpevole dell’intero…

Il sole in Val di Non produce elettricit

Un impianto da 511,20 kWp di potenza in grado di produrre più di 500 MW all’anno, arrivando a coprire più del 34% del fabbisogno energetico dello stabilimento di produzione della…