Gene non identificato isolato negli Ogm

Gene non identificato isolato negli Ogm

Il Centro di ricerca agricola di Malle, in Belgio, ha isolato un frammento di Dna sconosciuto nella soia transgenica Round up: lo afferma Libération. La notizia, diffusa da Greepeace, riguarda il ritrovamento di un gene sconosciuto, estraneo alla modificazione voluta dalla multinazionale produttrice e inesistente nella pianta originaria. Secondo gli studiosi belgi, il gene non

La Nasco dice no ai salmoni transgenici

La Nasco dice no ai salmoni transgenici

L’Organizzazione per la conservazione del salmone del Nord Atlantico (NASCO), riunitasi a Madrid, ha stabilito che i salmoni geneticamente modificati non possono essere rilasciati in mare aperto. Essi rappresentano infatti un pericolo per l’ecosistema e per il patrimonio genetico degli esemplari in libertà. La decisione ha riscosso l’apprezzamento di Greenpeace, che però è preoccupata per

OGM: nuove tecnologie per la produzione di piante sterili

OGM: nuove tecnologie per la produzione di piante sterili

Piante sterili: il Dipartimento dell’Agricoltura Statunitense (USDA) approva la tanto discussa tecnologia Terminator, che modifica geneticamente le piante in modo da renderle sterili. Nonostante siano molte le multinazionali del gene che possiedono brevetti di tecnologia Terminator, l’unica ad avere espresso pubblicamente la volontà di utilizzarla è la Delta & Pine Land, partner dell’USDA nella ricerca

OGM: ultimi aggiornamenti

OGM: ultimi aggiornamenti

Secondo i dati forniti dall’IFIC, una organizzazione americana no-profit che si occupa di divulgazione scientifica, ad esempio, negli Stati Uniti starebbe crescendo il numero di americani che si dichiarano favorevoli ai cibi OGM, purché presentino le caratteristiche di esasperata freschezza tanto promesse dal transgenico. Nel frattempo, i nuovi apprendisti stregoni hanno realizzato aranci che producono

OGM e baby food

OGM e baby food

La bella notizia “niente OGM nelle pappe e nei cibi destinati all’infanzia”, risale ormai alla primavera del 1999, con l’entrata in vigore del DPR 128 che vietava alimenti geneticamente modificati nei cibi per bambini. Era un decreto promosso dell’allora ministro Bindi, che bandiva completamente tutti i prodotti che avessero subito modificazioni genetiche nell’alimentazione destinata all’infanzia.

Gli Ogm rompono…

Gli Ogm rompono…

Tensioni, dibattiti, problemi in tutto il mondo sul transgenico. Il presidente americano Bush jr. rimprovera l’Europa per l’ostruzionismo sugli Ogm e paventa una “guerra commerciale”. I paesi africani rinunciano agli aiuti alimentari perché transgenici. E i dubbi sull’etichettatura e sulla sicurezza del cibo-Frankenstein sulle nostre tavole sono tuttora brucianti. In America, scrive il “Washington Post”,

WTO e OGM: l’Egitto sceglie l’Europa

WTO e OGM: l’Egitto sceglie l’Europa

WTO e OGM: l’Egitto sceglie l’Europa Il divieto dell’Unione Europea all’importazione di prodotti agricoli geneticamente modificati (Ogm) ha riaperto di colpo un fronte di tensione con gli Stati Uniti. Sembrano i primi segnali di una disputa commerciale che sta per scoppiare proprio mentre si cerca di ricucire le lacerazioni diplomatiche sull’Iraq. La fiducia dei cittadini

OGM e sicurezza: le ultime proposte

OGM e sicurezza: le ultime proposte

Ecco, riassunti, i punti fondamentali di una proposta che si prefigge di regolamentare uno dei settori più “a rischio” per la salute dell’uomo e dell’ambiente. Tracciabilità: un codice identificherà il tipo di modifica genetica subita da qualsiasi Ogm prodotto o importato. La Commissione europea terrà un registro degli Ogm da consultare in caso di eventuali

L’allevamento convenzionale

L’allevamento convenzionale

L’allevamento convenzionale : Alimentazione: Nei mangimi sono sempre andate a finire sia farine proteiche che i grassi di scarto derivati dal trattamento delle carcasse degli animali. Sino a qualche tempo fa i bovini hanno consumato cocktail pericolosi: farine di pesce e farine animali importate. Ora, chiaramente con l’emergenza BSE i mangimi animali sono proibiti. Quelli

Prodotti biologici e ogm:  chi sono i buoni e chi i cattivi? (13 aprile 2001)

Prodotti biologici e ogm: chi sono i buoni e chi i cattivi? (13 aprile 2001)

Prodotti biologici e ogm : chi sono i buoni e chi i cattivi ? “La Repubblica” dell’11 aprile 2001, commentando la presentazione del nuovo libro del microbiologo Giorgio Poli sulle biotecnologie (pubblicato dalla Utet), riporta alcune affermazioni, alquanto inquietanti, di illustri personaggi presenti all’evento. “Frutta e verdura, geneticamente modificate ci possono e ci potranno proteggere