Ti ricordi, Sprite?

Ci sono delle persone che, nello stesso istante in cui le vediamo, ci fanno capire che non ameremo nessuno, mai, come loro. Basta uno sguardo per sapere che, nonostante le nostre vite non potranno camminare insieme, queste persone resteranno per sempre Le Persone.

Ci sono degli animali che incontriamo, incrociamo, amiamo nella
nostra vita, e la vita e la morte ci legheranno per sempre a questi
splendidi esseri ricoperti di pelliccia.

E’ la storia di molti, ma non di tutti! Solo di quelli che hanno
la capacità e la sensibilità di lasciarsi ammaliare
da questo amore, senza opporre resistenza, senza avere paura di
amare e di soffrire, di gioire e di piangere.

Questa è la storia di Sprite! La storia di un cane che
trova, sopravvivendo alla propria disperata vita e a tutta una
serie di terribili incontri con gli uomini, la possibilità
di ricevere e dare amore.

L’incontro diventa magia sia per il cane che per l’essere umano:
entrambi imparano a dare e a ricevere; a chiedere, a pretendere, a
imporsi, ma anche raggiungersi, a cercarsi, a capirsi, e a non
lasciarsi più.

Un libro tenero che ci insegna che dare non ci toglie a, anzi ci
arricchisce.

Un libro che ci rende partecipi della capacità di essere,
non solo di esistere.

Un libro che ci dice che l’amore non è una cosa che
scegliamo, bensì qualcosa che ci succede e basta.

Un libro che ci insegna che l’amore può essere bello
anche se ci sottopone a prove difficili. Tutto qui.

Daniela
Bellon

Articoli correlati
Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro

La letteratura ha un potere immenso, semplici simboli convenzionali uniti in una certa maniera come in una formula alchemica danno vita a risultati sorprendenti, capaci di generare rivoluzioni non meno potenti di quelle dettate dalla scienza.