Toshiba “inventa” la stampa cancellabile

Piccola rivoluzione per uffici e aziende. Toshiba presenta il primo sistema al mondo in grado di cancellare immagini e testi dai documenti.

È grazie ad un toner speciale di colore blu e ad un
dispositivo in grado di renderlo latente (un po’ come l’inchiostro
simpatico), che il nuovo sistema e-STUDIO306LP/RD30
è in grado di cancellare fino a 5 volte i documenti appena
stampati, permettendo così di recuperare centinaia di fogli
di carta.

Si stima infatti che il 45% delle stampe in ufficio finiscano
cestinate ancor prima della fine della giornata. Perché non
inventare allora un sistema in grado di recuperare quella carta che
viene buttata dopo poche ore?

Il dispositivo, presentato in anteprima, consiste di due
unità che
operano alla velocità di
30 pagine al minuto
: la prima si comporta come una
semplice stampante/fotocopiatrice/fax/scanner che stampa con il
particolare inchiostro blu, mentre la seconda è pensata per
il riutilizzo della carta ed è in grado di decolorare il
toner blu, mediante l’applicazione di calore sulla carta che da blu
diventa trasparente.

“Questo strumento – spiega Giulio Dal Min, product manager di
Toshiba – permette di stampare i documenti non riservati e
temporanei con un inchiostro che può essere reso
trasparente, permettendoci di ridurre di un quinto l’utilizzo di
carta in ufficio”.

Secondo i dati forniti dall’azienda, si avrebbe in totale
una riduzione del 57% di CO2 rispetto ad un metodo
tradizionale
di stampa, emissioni dovute principalmente
alla produzione e al trasporto della carta, senza contare
naturalmente il risparmio economico.

“In questo modo proponiamo un nuovo modo di lavorare – sottolinea
Dal Min – perché grazie a questo dispositivo dobbiamo
decidere prima quali sono i documenti che ci serviranno o meno,
indirizzando verso e-STUDIO306L quelli che cancelleremo”.

La nuova stampante verrà proposta quest’anno a tutte quelle
strutture ed aziende nelle quali il flusso dei documenti temporanei
è notevole come hotel, ospedali, aeroporti, ma anche ad
uffici e università.

Il primo in assoluto a testare questa tecnologia sarà
l’Assessorato
Moda, Eventi, Expo della Provincia di Milano
, promuovendo
l’iniziativa “Ufficio Green: consumare meno, consumare meglio”:
“Una partnership importante che ci rende orgogliosi e che assume
particolare rilevanza in vista di Expo 2015, che avrà
proprio nella sostenibilità uno dei temi centrali”, ha
dichiarato Silvia Garnero, assessore della Provincia di Milano.

Da oggi centinaia di fogli di carta altrimenti destinati al macero,
potranno tornare utili, almeno per un po’.

Articoli correlati