Trasmissioni stellari

Quello di “risvegliarci alla nostra pi

“Io vengo dal presente, dove il tempo non esiste, ma esiste solo
l’eterno qui e ora”. E’ con queste parole che Ken Carey, uno
scrittore americano, ricevette tra il 27 dicembre del 1978 e il 6
gennaio del 1979 un lungo messaggio che gli veniva trasmesso in
modo decisamente inconsueto e informale, imponendosi quasi alla sua
coscienza e chiedendo di essere trascritto. Probabilmente un
fenomeno di channeling, attraverso il quale persone
particolarmente sensibili possono “farsi canale” per messaggi
provenienti forse dall’esterno, forse dall’inconscio collettivo,
forse dall’interiorità più recondita, senza
però perdere coscienza, come invece avviene nell’esperienza
medianica.

L’interlocutore si qualifica come proveniente dall’organo
direttivo della Galassia, ma quando gli esseri umani si
risveglieranno alla loro natura più autentica – avvisa – lui
verrà recepito come una delle componenti della coscienza
umana collettiva. Da questo esordio sono nati tre diversi libri,
che all’inizio l’autore stesso confessa di avere trascritto e
diffuso con un po’ di reticenza, sino a convincersi della profonda
autenticità o comunque validità del messaggio
ricevuto, al di là della sua origine extraterrestre,
angelica o personale.

Il compito di questo messaggero delle stelle, così come
lui si definisce nel corso del lungo monologo, è quello di
favorire l’elevazione della consapevolezza di noi terrestri,
fornendo informazioni sulla nostra reale natura e insegnandoci ad
entrare in contatto con le sorgenti interiori di una frequenza vibratoria
più alta
. Nell’entrare in contatto con la
realtà materiale abbiamo dimenticato la nostra più
vera
natura
e la natura del nostro compito qui sulla Terra.

E’ arrivato il momento di svegliarsi…

E’ arrivato il momento di svegliarsi. Inizia ora l’era del
risveglio
planetario
, un’era che durerà mille anni
durante i quali, in collaborazione con energie provenienti dal di
fuori della nostra realtà terrestre l’umanità si
risveglierà ad un livello superiore di coscienza e di vita,
restaurando l’equilibri ecologico danneggiato ed elaborando
modalità di convivenza di tipo
collaborativo
ed armonico, in sintonia con i valori
più alti.

L’essere umano diventerà consapevole della sua duplice
natura, materiale ed energetica, e risvegliandosi anche alla sua
realtà spirituale ripristinerà lo stato di grazia,
salute e armonia con tutto ciò che esiste. “Voi siete figli
della luce, i mezzi attraverso i quali Dio ama la sua creazione –
afferma il messaggero delle stelle – perciò siate
consapevoli della vostra importanza, non come individualità
egoiche, ma come componenti fondamentali nella struttura della
creazione”.

Nel quadro della situazione contemporanea fatto da questa
intelligenza, si parla di centri che collaborano insieme per il
risveglio
dell’umanità
, che si diffonderanno sempre
più numerosi per risvegliare gli individui alla loro vera
natura. Forse qualcosa sta già succedendo?

Articoli correlati
La valle dell’Omo, dove la vita scorre con il fiume

Le tribù della valle dell’Omo in Etiopia vivono a stretto contatto con la natura e il fiume da cui dipendono. Questo reportage esclusivo racconta come la costruzione di una diga, i cambiamenti climatici e un boom turistico stiano mettendo a dura prova la loro capacità di preservare stili di vita ancestrali.