Un data center a zero emissioni. Lo costruir

Permetter

Un vecchio impianto di produzione di imballaggi ormai in disuso
verrà ristrutturato e trasformato in un data center
d’avanguardia, a zero emissioni. Il nuovo polo sorgerà a
Avenches, cittadina svizzera nel cantone di Vaud. Il data centre
supporterà e potenzierà i servizi e i prodotti Yahoo!
tra cui Yahoo! Homepage, Yahoo! Lifestyle, Yahoo! Sports, Yahoo!
News e Yahoo Finance.

Grazie ad una progettazione unica nel suo genere, il nuovo data
center promette di diventare uno dei più ecologici al mondo.
Come? La parola d’ordine è efficienza energetica: dalla
scelta dei materiali alla forma dell’edificio stesso, il centro
sarà il 40% più efficiente nel raffreddamento
rispetto ai più recenti data center e il 70% più
efficiente rispetto a quelli tradizionali.

Queste strutture, (in pratica una grande stanza con dentro delle
apparecchiature informatiche), cosumano metà dell’energia
elettrica per essere alimentati e l’altra metà per essere
raffreddati. Secondo alcuni dati pubblicati dal Sole24Ore: “un
tipico data center assorbe circa 50 MegaWatt, il fabbisogno utile
per far funzionare 140.000 televisori, e uno allestito su una
superficie di 5.000 metri quadrati che opera a 4 MegaWatt consuma
l’equivalente di 57 barili di petrolio al giorno”.

L’azienda utilizzerà così il cosidetto “Free Cooling”
dell’aria esterna, espellendo in questo modo tutto il calore che il
data center genererà, favorendo l’entrata di aria fresca e
l’uscita di quella calda. Questa maggiore efficienza, unitamente
alla produzione di energia elettrica svizzera per il 95% carbon
neutral, permetterà a Yahoo! di ridurre le emissioni di
oltre 17.000 tonnellate di CO2 all’anno. Questo renderà
effettivamente il data center neutrale, a zero emissioni.

“Siamo entusiasti di presentare a livello mondiale il nostro data
center a basso consumo energetico di Avenches, e di assumere un
ruolo attivo nella comunità – ha commentato Jerry Yang,
co-fondatore e Chief di Yahoo! – il nuovo data center
consentirà a Yahoo! di fornire prodotti e servizi ai nostri
utenti in Europa e negli altri Paesi”.

Articoli correlati