Un massaggio per esperti

La riflessologia plantare è una pratica millenaria, attraverso l’esplorazione del piede si possono ricavare informazioni utili circa la salute e si possono prevenire alcune patologie.

Molti avranno visto scritto su cartelli affissi all’ingresso di
erboristerie e centri estetici la dicitura “trattamenti di
riflessologia plantare”.
A prima vista questa tecnica può somigliare a un massaggio
del piede un poco puntiglioso. Molti già sanno che è
una pratica che prevede l’esplorazione del piede e che da questa se
ne possono ricavare alcune informazioni circa la salute.

Spesso l’operatore si pronuncia su diversi malanni sofferti dal
cliente, sui suoi presunti errori alimentari e quant’altro. La
promessa può essere quella che con uno stimolo generale di
questi punti per una quarantina di minuti per una decina di
applicazioni risolveranno tutti i sovraccarichi funzionali
restituendo benessere e longevità.

Ma è davvero così semplice?

La riflessologia plantare in genere attiva, mediante stimoli
inviati dal tessuto cutaneo, processi a livello di sistema nervoso
centrale e vegetativo di sistema endocrino giungendo sino
all’informazione cellulare. Gli effetti – riequilibranti,
stimolanti, sedativi – spesso possono essere interpretati solo alla
luce delle conoscenze della medicina tradizionale cinese.

I segni identificabili sulla pianta e sul dorso del piede possono
essere interpretati, a seconda del caso, come effetti di natura
meccanica (calzatura, postura o altro) o come segnali di una
aumentata o diminuita energia di un distretto corporeo od
organo.

L’interpretazione di questi segnali è di pertinenza di
persona con formazione specifica, in grado, se necessario di
prescrivere direttamente o di segnalare a chi di competenza analisi
ed accertamenti diagnostici. I suddetti segnali debbono essere
interpretati alla luce dello stato del paziente in quel momento,
della storia clinica, delle eventuali cure farmacologiche,
fitoterapiche e omeopatiche assunte.

La rifessologia plantare è a pieno titolo una tecnica
olistica (dal greco olos = tutto) ovvero che consente di osservare
il corpo nel suo insieme. Con i suoi segnali rispecchia quella
grandissima complessità fatta di singole funzioni e della
loro integrazione, dal rapporto strettissimo tra parte e il
tutto.

Dott. Alberto Cericola
Naturopata, esperto in riflessologia plantare

Articoli correlati