Vellutata zero costo e impatto

Come si prepara una vellutata a costo zero.

Per questo motivo non poteva mancare almeno un omaggio a
questo piatto di antiche origini che si è sempre mangiato in
ogni casa dalle campagne fino alle grandi città. Questa che
vi propongo è una raffinata versione con scarti di stagione,
facilissima da preparare e perfetta per questa stagione. Ricetta
per 4 (la potete sempre congelare se “avanza”).

 

Ingredienti:

300g di buccia di zucca

La parte verde di un porro

1 patata (se è bio lasciate la buccia)

1 cipolla

Il gambo di un cavolfiore

2 foglie esterne di finocchio

Le foglie di un grande sedano verde

Olio extravergine

Sale e pepe

 

Procedimento:

Mettete tutti gli ingredienti tagliati grossolanamente in
pentola a pressione. Coprite d’acqua fredda e aggiungete un
cucchiaio circa di sale. A piacere potete aggiungere qualche grano
di pepe o erba aromatica come timo o rosmarino. Mettete sul fuoco e
dal fischio lasciate cuocere circa 35 minuti a fuoco basso.
Sfiatate la pentola e con il frullatore a immersione riducete in
purea le verdure. Per rendere più cremosa la vellutata
potete aggiungere qualche cucchiaio di panna anche direttamente nel
piatto, oppure la potete servire semplicemente con un filo d’olio
extravergine, una macinata di sale e pepe e crostini di pane (da
preparare con pane avanzato naturalmente).

Articoli correlati
Antonio Chiodi Latini. La mia è un’alta cucina vegetale

La parola chef non lo rappresenta, così ha deciso di definirsi cuoco delle terre. È Antonio Chiodi Latini, il suo ristorante si trova a Torino. Un progetto di cucina vegetale e creativa frutto di uno studio molto importante sulle verdure, con tecniche e tecnologie di altissimo livello. “Ho pensato che la strada per il futuro