Warhol e Beuys a Milano

Due geni dell’arte contemporanea del Novecento, Warhol e Beuys, che si incontrano, questa volta a Milano. Fondazione Mazzotta, foro Buonaparte 50, Milano. Fino a fine marzo 2008.

Sono 92 le opere presentate alla mostra “Warhol
Bueys, Omaggio a Lucio Amelio”, al Foro Bonaparte, nella sede della
Fondazione Mazzotta, visibili fino alla fine di
Marzo 2008.

Due geni dell’arte contemporanea del Novecento, che si
incontrano, questa volta a Milano, dopo quel particolarissimo
momento del 1980, voluto da Lucio Amelio,
gallerista atipico, che a Napoli ha riunito alcune delle migliori
opere e artisti della seconda metà del XX secolo.

I due si incontrarono a Napoli nel 1980, grazie al ?colpo? del
filantropico Amelio, iniziando una collaborazione tra due correnti
artistiche agli antipodi. Il dandy americano e
l?austero europeo. Un?incontro memorabile che
raccoglie i due estremi della contemporaneità di fine
Novecento.

Da questo incontro nascono i ritratti, esposti
alla mostra, che Warhol fa a
Beuys, mentre l?ultimo risponde a suo modo con
opere tipo ?Capri-Batterie?. Una lampadina collegata ad un
limone con sottotitolo: ?Dopo mille ore cambiare la
batteria
?. Potenza della natura rappresentata in arte.

L?evento che avvicina ancora di più i due artisti
è il terremoto in Irpinia del 80. Sempre grazie alla forza
di Amelio nasce Terrae Motus. I due artisti si uniscono
per rappresentare quel terribile evento che colpì migliaia
di persone.

Molto impegnato socialmente e politicamente Beuys scrive,
dattilografato, ?Alcune richieste e domande sul Palazzo nella
testa umana
?, in quello che si può definire il
manifesto dei Verdi, nato proprio in Germania. ?[?]
L?alternativa economica diventa pertanto: solidarietà
invece di concorrenza, difesa della vita invece di distruzione
della vita, soddisfacimento dei bisogni di tutti per un?esistenza
umana dignitosa. I rapporti economici dello stato capitalistico e
di quello comunista vanno sostituiti con un sistema alternativo di
risparmio e di giustizia esistenziale, utilizzando le risorse e le
energie della natura [?]. I principi fondamentali della natura
vanno conservati sani, poiché senza la loro salvaguardia non
esiste vita umana dignitosa
?.


Rudi Bressa

Articoli correlati
Lo scienziato felice

Per trovare il nostro pensiero non dobbiamo seguire i condizionamenti sociali, ma rimetterli in discussione. Ci sono due tipi di arte: quella che genera piacere e quella che genera felicità.

Cocci in mostra per gli artigiani abruzzesi

Il progetto Riciclo Arte Ricostruzione – Adotta una bottega in Abruzzo è nato quasi per caso. Un’artigiana di Cocullo (AQ), una ceramista, la mattina dopo il terremoto ha trovato garn parte delle sue opere d’arte trasformate in cocci.

Mediterranea – Tra Jazz e Futurismo

Un festival per parlare di cultura, letteratura, arte. Mediterranea, manifestazione ideata ed organizzata dall’Associazione Culturale Allegorein, è giunta ormai alla sua VI edizione.

Il tempo delle ninfee

Lo studio di Monet per le ninfee fu talmente intenso e quasi ossessivo che nel 1925, un anno prima della sua morte, l’artista scrisse “Non dormo più per colpa loro, di notte sono continuamente ossessionato da ciò che sto cercando di realizzare.

Allarmi 2008

Tre curatori, tre temi, tre percorsi. Parliamo di Allarmi 2008, mostra d’arte contemporanea alla Caserma de Cristoforis di Como dal 30 maggio al 22 giugno.

Narcolepsy

Narcolepsy. Milano, Fabbrica del Vapore. Dal 16 gennaio al 12 febbraio.