Whirlpool. 100 anni all’insegna della sostenibilità

Elettrodomestici che risparmiano fino al 70% di energia ed acqua. La tecnologia e l’impegno di Whirlpool ad un secolo dalla nascita dell’azienda.

Fondata nel 1911 in una cittadina sulle rive del lago Michigan,
Whirlpool Corporation è stata una delle prime aziende al
mondo a dotarsi nel 1970 di una struttura per il controllo
ambientale.

Nel 1989 con l’acquisizione del gruppo Ignis, sbarca nel vecchio
continente e fonda il proprio centro operativo a Comerio, nel
varesotto, oggi uno dei poli d’eccellenza nel
settore dei bianchi
.

Da questa sede vengono gestiti oltre trenta mercati diversi e
quattordici fabbriche dislocate in 7 Paesi. Tre di queste sono
presenti a Cassinetta di Biandronno, sulle rive del lago di Varese,
e impiegano circa 2000 lavoratori, mentre a Comerio operano 500
persone.

È proprio il centro di Cassinetta a rappresentare oggi l’uno
dei 5 centri europeo di eccellenza: designer, ergonomisti,
antropologi, sociologi e psicologi decifrano le tendenze della
società per offrire al mercato le innovazioni di domani.

“Quest’anno – afferma Lorenzo Paolini, Amministratore Delegato e
Vice President Market Operations South Europe, Whirlpool EMEA –
Whirlpool Corporation compie 100 anni. Un secolo di storia basato
sull’innovazione
e sull’audacia, fino alla conquista del primo posto al mondo tra i
produttori di elettrodomestici. Valori alla base del nostro impegno
verso un’economia pulita, rispettosa dell’ambiente e delle risorse
naturali del nostro pianeta.”

Negli ultimi dieci anni la Whirlpool ha infatti proposto al mercato

elettrodomestici
in grado di utilizzare sino
al 50% di energia e acqua in meno rispetto al passato. Le lavatrici
con tecnologia “sesto senso”, ad esempio, sono in grado di adattare
automaticamente la quantità di acqua ed energia necessarie
durante il ciclo di lavaggio; se pensiamo che l’acqua calda
potrebbe essere riscaldata grazie ai pannelli solari, ecco che il
risparmio si attesta al 70%.

Ma non solo i prodotti puntano alla sostenibilità. Lo stesso
stabilimento di Cassinetta di Biandronno genera da sé
l’energia necessaria grazie ad una centrale di co-generazione a
metano, guadagnando in efficienza e costi, e ricavando vapore da
utilizzare nei processi industriali. Per l’ambiente un risparmio di
7000
tonnellate di CO2
, per l’azienda un tornaconto che
vale circa 50 centesimi a prodotto, vale a dire circa 800.000
€ l’anno.

 

Articoli correlati