Wu Ming, 10.000 copie sulla montagna di spazzatura

In meno di dieci giorni “Previsioni del Tempo” del collettivo Wu Ming raggiunge un importante traguardo: con 10.000 copie vendute entra nella classifica dei primi 20 titoli di narrativa italiana.

“Previsioni del tempo” è il settimo romanzo della collana
di narrativa “VerdeNero – Noir di ecomafia”

“Siamo davvero orgogliosi di questo successo – ha dichiarato
l’editore – Previsioni del Tempo di Wu Ming, con lo stile tipico
del collettivo bolognese, interpreta benissimo il progetto
VerdeNero: toccare i nervi scoperti del sistema Italia. Abbiamo
creduto molto su questo titolo per questo siamo felici di poter
andare in ristampa così velocemente”.

Per gli autori “Si tratta di un lungo racconto on the road che
mette sotto l’obiettivo gli effetti sulla mente sociale e
individuale dell’emergenza rifiuti, intesa in un senso molto ampio,
quasi ‘spirituale’. E’ un lungo viaggio nella penisola dove
affiorano fantasmi simili a esalazioni, dove i personaggi
incontrano la retribuzione delle azioni precedenti, dove lo
scenario è quello di un sistema-mondo, oltre che di un
sistema-paese, ecocriminale ed ecocriminogeno?.

Punto di partenza e d’arrivo Napoli, snodo fondamentale del
traffico di rifiuti tossici. I clan della camorra iniziano infatti
a mettere le mani sulla spazzatura già negli anni ’80. Da
allora, l’ecomafia ha disperso nelle province campane –
illegalmente e senza nessuna precauzione – almeno 10 milioni di
tonnellate di rifiuti pericolosi provenienti dall’Italia e
dall’estero.

Non siamo in India e neppure in Africa. Siamo in Italia.

L’attuale emergenza rifiuti della regione Campania è il
risultato finale di un processo che dura da quasi 20 anni e che
coinvolge criminali da tutto il mondo (dall’Albania fino alla
Cina). Questo business globale è stato documentato da
innumerevoli inchieste della magistratura e delle forze
dell’ordine. I clan della camorra iniziano, infatti, a mettere le
mani sui rifiuti già negli anni 80. Da allora, l’ecomafia ha
smaltito nelle province campane – illegalmente e senza nessuna
precauzione – almeno 10 milioni di tonnellate di rifiuti tossici e
pericolosi provenienti dall’Italia e in molti casi dall’estero.

Si tratta di una montagna di spazzatura alta più del
Vesuvio e che vale 7 miliardi di euro l’anno: come ha detto il boss
Nunzio Perrella ai magistrati della Direzione distrettuale
antimafia di Napoli, “la munnezza è oro”. I soldi si fanno
in fretta, si rischia poco o niente: all’affare partecipano
politici, amministratori pubblici corrotti e imprenditori che
approfittano delle tariffe vantaggiose che la camorra è in
grado di offrire.

Ad aprire il settimo romanzo della collana di narrativa
“VerdeNero – Noir di ecomafia” un viaggio tra i rifiuti lungo mezza
Italia, sotto un cielo inclemente che fa piovere acqua e grandine.
Punto d’arrivo Napoli, tra campagne e periferie degradate,
marciapiedi coperti da cumuli di spazzatura dati alle fiamme a
generare diossina, immondizia che galleggia nel fango, topi che
spadroneggiano indisturbati… questo lo scenario infernale che fa
da sfondo a “Previsioni del tempo”, l’ultimo romanzo di Wu Ming –
il gruppo di autori che ha fatto dell’impegno politico uno dei
tratti distintivi della sua produzione.

Wu Ming è un collettivo di narratori fondato a Bologna
nel gennaio 2000, al momento composto da cinque persone. Wu Ming
ritiene che le storie siano ?asce di guerra da disseppellire? e
scava nel terreno fertile delle intersezioni tra Storia e Mito.
Fondatori del gruppo sono i quattro autori di Q (pubblicato a firma
Luther Blissett da Einaudi nel 1999) e l?autore di Havana Glam
(pubblicato a firma Wu Ming 5 da Fanucci nel 2001). Wu Ming ha
scritto con Vitaliano Ravagli Asce di guerra (Tropea, 2002 ed
Einaudi Stile Libero, 2005); ha pubblicato nel 2002 il romanzo 54 e
nel 2003 Giap!, volume che raccoglie parte del lavoro narrativo e
mitologico del collettivo tra il 2000 e il 2003 (Einaudi). Il suo
ultimo romanzo si intitola Manituana, pubblicato per Einaudi Stile
libero nel 2007.

Greta Nicolini

Articoli correlati