Due semplici asana dopo le ferie

Con la fine delle vacanze praticare due semplici asana che rafforzano il sistema nervoso centrale, la concentrazione e combattono ansia e paure.

Con la fine delle vacanze gli inderogabili impegni lavorativi
riprendono a tenerci sotto pressione, richiedendo costantemente
concentrazione, riflessi pronti, velocità di ritmi e di
pensiero.
Marina Brivio,
insegnante yoga, consiglia di praticare due semplici asana che
rafforzano il sistema nervoso centrale, la concentrazione e
combattono ansia e paure.

  • Gesto del coraggio: Seduti in qualunque posizione
    confortevole portare le mani in grembo con i palmi rivolti al cielo
    e la mano sinistra che sostiene quella destra. Con lentezza
    soltanto l’avambraccio destro si solleva ruotando sul gomito come
    se fosse appoggiato ad un sostegno, si porta perpendicolare a terra
    con la mano aperta ed il palmo che guarda davanti. Si mantiene la
    posizione immobile ad occhi chiusi osservando il movimento interno
    del respiro, allontanando ogni paura e negatività da
    noi.
  • Posizione della montagna: In piedi prendiamo
    consapevolezza della posizione eretta. Percepiamo la terra sotto i
    piedi, le gambe ben presenti ma le ginocchia in una spontanea
    morbidezza. Una leggera contrazione della muscolatura del basso
    addome allinea il tratto sacrolombare della colonna, mentre le
    spalle rimangono rilassate. Da questa posizione saliamo con
    l’attenzione fino al vertice del capo e distacchiamo le braccia dal
    tronco a formare la forma triangolare di una montagna. Rimaniamo
    nella forma cercando di percorrerla con gli occhi della mente e
    attraverso il respiro. Sentiamo la forza della terra che sale fino
    al vertice del capo, il respiro più calmo e sottile e ci
    sentiamo saldi come una grande montagna.

Daniela Milano

Articoli correlati