Un esordio da Incubus

Dopo vari cambi di nome, hanno scelto di chiamarsi Incubus. Non hanno ancora la patente e cercano ingaggi in posti il più possibile vicino a casa.

Los Angeles, primi anni 90. Qualcuno, camminando sulla Sunset Strip, si è imbattuto in strani flyer che segnalano un concerto in serata al Roxy, locale qualche metro più avanti. In realtà a catturare l’attenzione dei passanti è l’immagine di una donna nuda stampata su quei fogli seminati ovunque.

 

Brandon Boyd è il cantante della band in cartellone ed è lui che si occupa di disegnare locandine per il gruppo che ha formato con i suoi compagni di scuola Jose, Mike e Dirk. I quattro usano le figure dei libri di educazione sessuale che la mamma di Mike fa leggere al figlio.

 

 

Dopo vari cambi di nome, hanno scelto di chiamarsi Incubus. Non hanno ancora la patente e cercano ingaggi in posti il più possibile vicino a casa. Hanno supplicato il proprietario del Roxy per far avere loro una data ma lui non ne ha voluto sapere, o meglio ha accettato, ma solo a una condizione: se in giornata non saranno venduti i biglietti per il concerto, la loro performance verrà annullata.

 

Mentre Brandon e Jose sono in giro a cercare di pubblicizzare il più possibile l’evento, Mike trova per terra 100 dollari. Non ci pensa su due volte: corre al locale e compra quanti più biglietti gli è possibile acquistare con quei soldi.
Il concerto è un successo: sono arrivati tutti i compagni di college dei ragazzi, ma anche gente del posto.

 

Grazie al passaparola gli Incubus non saranno più costretti a pagare per esibirsi e proprio durante uno dei loro live, al Cody di Los Angeles vengono avvicinati da Gavin Koppel che collabora con la Immortal Records, responsabile del successo dei Korn.

 

Di lì a poco viene pubblicato l’Ep Enjoy Incubus.  L’etichetta avrà il merito di aver messo sotto contratto una delle rock band più influenti degli ultimi anni.

Articoli correlati
Rock Files Live! Black lives matter

La puntata di Mercoledì 29 luglio dei Rock Files Live! di LifeGate Radio è Black lives matter, interamente dedicata alla musica nera.

Come nasce un mito del prog

Passano pochi mesi e a Jon Anderson viene chiesto di entrare ufficialmente nella band che con la nuova formazione cambia anche il nome: i Mabel Greer’s Toyshop diventano gli Yes.

Il paracadute dei Coldplay

Chris come cantante, che si occupa occasionalmente anche del pianoforte, Jon al basso, Guy alla chitarra e Will alla batteria, nascono nel ’98 i Coldplay.

Cass & Moonie

A metà anni 60, Mama Cass accetta l’invito di John Phillips e dà vita alla vocal band più suggestiva della West Coast: The Mamas & The Papas,

Il sogno di Keith

4 giorni dopo, i due sono ai Chess Studio di Chicago per incidere il pezzo più importante della loro storia …