Cammini e itinerari

Perché scegliere l’undertourism e viaggiare in sicurezza in Italia grazie a Sharewood

L’undertourism è l’idea di viaggio più adatta per le future vacanze perché coniuga la necessità di pace e natura con la bellezza indiscussa del territorio italiano.

È un termine inglese undertourism che descrive però una prassi che, al contrario, esalta le realtà locali: indica infatti la felice tendenza di pensare ai viaggi e alle vacanze o comunque ai propri momenti liberi e di relax, privilengiando destinazioni nazionali, se non addirittura regionali, poco note, non affollate ma non per questo meno belle, attrattive e affascinanti. È forse ciò che di buono stiamo “guadagnando” dalla dolorosa e frustrante esperienza del covid. Pronti a viaggiare in questo modo grazie a Sharewood?

Garda Sharewood
Il Lago di Garda, una delle mete da riscoprire in quest’estate italiana © Sharewood

Undertourism opposto all’overtourism: è davvero una novità? Non per Sharewood

In realtà, la sociologia del turismo si occupa da tempo di questi temi: viaggiare è ormai un’attività ragionata e che riguarda le convinzioni profonde per buona parte di chi la pratica. È strettamente connessa con i propri ideali sociali, economici, ambientali ed etici. Possiamo dire senza dubbio che sono sempre più in crescita i viaggiatori – e non a caso non utilizziamo il termine turisti – che riflettono attentamente prima di decidere quale sarà la loro prossima meta di viaggio. Sono infatti numerosi per questo target, i fattori da tenere in considerazione: innanzitutto l’impatto ambientale che il loro spostamento avrà sull’ambiente e su loro stessi in termini di stress; la ricaduta economica sulle realtà locali; il proprio budget. È per questo tipo di viaggiatori che sono nate realtà come Sharewood, in grado di soddisfare le loro esigenze e aiutarli nella scelta delle mete perfette, ispirandoli e semplificando la loro esperienza.

È evidente che questo modo di intendere il viaggio, dopo la pandemia, si sia diffuso anche in chi forse prima non aveva tra le sue principali prerogative questi aspetti. In buona parte la popolazione ha infatti registrato una profonda necessità di evadere ma, allo stesso tempo, ha dovuto fare i conti con l’impedimento totale o parziale a farlo dove si desidera. Inoltre, il bugdet dedicato alle spese di viaggio si è sensibilmente ridotto per via della crisi economica che ha coinvolto una grande fetta di popolazione. Non ultimo, è divenuto palese come l’intero pianeta abbia “goduto” dello stop – anche se solo momentaneo – di tutto ciò che comporta l’overtourism: i cittadini se ne sono accorti e hanno cominciato a riflettere su queste tematiche, anche i più scettici.

Sharewood neve inverno
Le proposte sulla neve di Sharewood © IngImage

Un viaggio che diventa esperienza grazie a Sharewood

Può voler dire molte cose diverse intraprendere un viaggio che ricada nella categoria undertourism: potrebbe trattarsi di un viaggio sostenibile o solidale che quindi si propone di non avere un impatto negativo sull’ambiente ma anzi positivo sulle realtà locali. Ma può anche significare semplicemente vivere in modo più profondo e consapevole il luogo che si è scelto come meta turistica: conoscendo le realtà, la popolazione e le usanze locali, essendone parte attiva e non solo ospite. Li chiamano anche viaggi esperienziali. O anche attivi, quando è in particolare la natura del luogo a dettare il ritmo delle esperienze e delle attività da svolgere: al lago o sui fiumi ci muoveremo con mezzi che ci permettano di esplorare lentamente questi ecosistemi, così come in montagna o sui sentieri ci muoveremo a piedi.

Se si riflette su queste pratiche di viaggio, è facile capire come in realtà tutto parta da noi, da ciò che desideriamo e ricerchiamo nell’esperienza del viaggio. Anche la semplice scoperta di una città d’arte può trasformarsi in qualcosa di assolutamente nuovo che può modificare il nostro modo di percepire un luogo che magari credevamo di conoscere già. Ed ecco un altro “campo” di questo modo di viaggiare: il cosiddetto turismo di prossimità, quello che ci fa scegliere mete apparentemente già note, ma ci aiuta a guardarle con nuovi occhi. A pochi chilometri da dove viviamo ci sono spesso mondi “altri”, a noi sconosciuti. Qualunque sia la vostra idea di viaggio undertourism, Sharewood può aiutarvi a intraprendere quello giusto per voi.

Camminatore in una vallata alpina
L’Italia può vantare una straordinaria ricchezza, le sue montagne, veri e propri tesori di natura, storia e cultura © Ingimage

Undertourism: scegliere l’Italia per avere tutto

Noi italiani abbiamo il privilegio di vivere in un paese in cui ognuna di queste esperienze descritte sino a ora è, non solo possibile, ma alla portata di tutti. Spesso infatti non è necessario allontanarsi molto dal proprio luogo di residenza – e dunque avere a disposizioni grandi budget – per raggiungere mete incredibilmente belle. Dove, se non in Italia, è così semplice visitare una città d’arte e dunque cibarsi di cultura, poter scoprire spiagge e sentieri montani di bellezza impareggiabile, poter fare esperienza di qualsiasi attività sportiva sia in estate che in inverno, godere della bellezza di siti Unesco spettacolari?

È una terra magnifica la nostra e lo è ancor più oggi. Viverla “rinchiusi” ci ha permesso infatti di capire quanto ci manchi, e per quanto amiamo viaggiare all’estero, ci ha fatto comprendere quanto il nostro paese sia sempre la meta perfetta, in ogni occasione, in ogni stagione. Sceglierla, come in molti hanno fatto lo scorso anno, è stato non solo un regalo a se stessi, ma anche un gesto di amore verso il paese, oltre che di turismo responsabile. Proprio il settore turistico, infatti, è forse quello che più di altri ha registrato le maggiori perdite durante la pandemia e il perdurare di questa incertezza sanitaria ed economica.

La meravigliosa acqua del parco della Maddalena in Sardegna
L’Arcipelago di La Maddalena © Ingimage

Sostenere il paese anche con le proprie vacanze targate Sharewood

È il momento quindi di essere concretamente di supporto al paese con i nostri consumi e la scelta delle nostre mete turistiche: i prossimi week end, le vacanze pasquali e quelle estive saranno l’occasione per riprendere a viaggiare, a scoprire il paese e la ritrovata sensazione di libertà – seppur nel rispetto delle regole. Sharewood propone diverse esperienze di undertourism: pochi giorni immersi nella natura o alle prese con le discipline sportive più emozionanti, oppure veri e propri lunghi viaggi dove andare alla scoperta del territorio italiano tra mare, montagna e città d’arte. Sostenere le economie locali, magari quelle dei paesi più piccoli e meno noti, così colpiti dai lockdown e dalla pandemia, diviene in questo momento storico un gesto etico e altruista, oltre che un modo intelligente per trascorrere i prossimi momenti liberi in piena sicurezza. L’impegno di Sharewood è quello di offrire un’ampia scelta di esperienze, adatte a qualsiasi tipo di viaggiatore, favorendo realtà virtuose di tutto il territorio del paese.

E se ancora non avete deciso quale sarà la vostra prossima meta, potete scegliere di regalare o regalarvi una gift card o una e-box Sharewood e avere così a disposizione più tempo per valutare tutta l’offerta di viaggio.

Articoli correlati