Oi Va Voi ai Rock Files Live!

In diretta sulle nostre onde di LifeGate Radio la band britannica Oi Va Voi.

Oi Va Voi ai Rock Files Live!

Il gruppo britannico capace di fondere in un mix unico left-field jazz, hip-hop, rock, drum n bass e klezmer ebraico presenterà e racconterà al microfono di Ezio Guaitamacchi il nuovo album, Travelling the Face of the Globe, in uscita il 15 maggio, nuovo brillante capitolo di una carriera che li ha già visti vincere un Grammy Award con il disco d’esordio.

Biografia:

Gli Oi Va Voi prendono il nome da un’esclamazione popolare Yiddish traducibile come “O mio Dio!”. Si sono formati alla fine degli anni 90, quando il trombettista Lemez Lovas, il batterista Josh Breslaw, il bassista Leo Bryant, il clarinettista Steve Levi, il chitarrista Nik Ammar e la violinista Sophie Solomon hanno fuso i loro differenti background musicali in un mix di left-field jazz, hip-hop, rock, drum n bass e klezmer ebraico.

Con l’arrivo di K.T. Tunstall come guest vocalist, il loro album di debutto “Laughter Through Tears” seppe unire la musica dance moderna, la sensibilità di una nuova cantautrice e la loro eredità culturale ebraica con i ritmi global tipici dell’Europa dell’Est, il mediterraneo e oltre.

L’album ricevette recensioni entusiaste e vinse due BBC2 Radio Awards per la world music. Qualsiasi persona abbia visto gli spettacolari show dal vivo degli Oi Va Voi ha pochi dubbi di quanto loro siano lontani dall’essere una semplice band che suona wolrd music: la loro invidiabile capacità di esaltare e saper far ballare il pubblico li rende artisti a sé stanti. L’album arrivò infatti a vendere più di 100 mila copie nel mondo.

A “Laughter Through Tears” seguì un altro successo di critica. Con l’omonimo secondo album “Oi Va Voi” la band fu accolta dalla stampa europea con grande calore. Pochi mesi dopo la pubblicazione dell’album, però, la loro etichetta V2 venne venduta a Universal e chiusa definitivamente.

Per a intimorita, la band si rimise al lavoro nel 2008 con la consapevolezza che l’unica maniera per avere un successo duraturo alle loro condizioni era quella di controllare ogni aspetto della loro carriera. Dopo aver suonato in alcuni festival in giro per l’Europa, tutti i proventi dell’album vennero messi da parte per la registrazione del nuovo lavoro, “Travelling Face Of The Globe”, finito di registrare ad ottobre del 2008 e in uscita in Italia per la loro etichetta Oi Va Voi Recording, distribuzione Self, il 15 maggio 2009.

La maggiore peculiarità del gruppo resta ancora oggi il grande eclettismo e l’estrema abilità musicale dei suoi membri. Dopo aver riunito la band con i produttori di “Laughter Through Years” (vincitori del premio Grammy) Kevin Bacon e Jonathan Quarmby, “Travelling The Face Of The Globe” è il compimento di cinque anni di duro lavoro e la riunione di una band al top dell’ispirazione, che ha perfettamente in mente la strada da prendere. Le prime reazioni all’ascolto dell’album e ai concerti della band sono state travolgenti nelle lodi.

Altre notizie

The Nile Project: la musica del fiume

Neil Young accompagnato dall’orchestra per Storytone

Jimi Hendrix: il primo contratto (da un dollaro)

Iscriviti subito alla newsletter settimanale!

Commenti