Coronavirus

Oxford, sospesi temporaneamente i test del vaccino di AstraZeneca contro il coronavirus

AstraZeneca ha sospeso la terza fase di sperimentazione del vaccino di Oxford per una reazione avversa in un paziente. Si tratta della normale procedura.

La terza fase della sperimentazione del vaccino contro il coronavirus sviluppato a Oxford dall’azienda di biofarmaceutica AstraZeneca, in collaborazione con lo Jenner Institute, è stata messa in pausa dopo che un paziente ha manifestato una reazione avversa.

“Si tratta di un protocollo comune che si segue quando si presenta una reazione inaspettata durante una delle fasi di sperimentazione. Si sospendono i test e si indaga sulle cause, assicurando così l’integrità della procedura”, ha spiegato Michele Meixell, portavoce di AstraZeneca.

La sospensione dei test per il vaccino di AstraZeneca fa parte del protocollo

Si tratta dunque di una procedura standard che viene applicata proprio per verificare la sicurezza di un farmaco che, in un secondo momento, potrebbe essere potenzialmente introdotto sul mercato.

Non si sa ancora quanto potrebbe durare questa pausa: a seconda della gravità della reazione sviluppata dal paziente – della quale non si conoscono ancora i dettagli – potrebbe volerci solamente qualche giorno o addirittura delle settimane. AstraZeneca ha assicurato che lavorerà per “minimizzare l’impatto di questo evento sulla tabella di marcia”.

Questo vaccino è considerato uno dei più promettenti contro il coronavirus. È uno dei nove ad essere arrivati alla terza fase di sperimentazione ed è il primo ad essere messo in pausa. Attualmente, i test sono in corso negli Stati Uniti, in Brasile, in Sudafrica, in India e nel Regno Unito.

Articoli correlati