Heligoland – Massive Attack

Emi, 2010

Heligoland – Massive Attack

picture 5760

Dopo ben sette anni di silenzio – interrotti solamente da vari
divertissement (colonne sonore soprattutto) – tocca a “Heligoland”
riprendere il filo del discorso.

Il disco, uscito il 5 febbraio 2010, vede il ritorno di Daddy G e
la partecipazione di Horace Andy, di Damon Albarn, della vecchia
amica Martina Topley Bird, di Hope Sandoval, di Guy Garvey degli
Elbow e dell’ottimo Tune Adebimpe dei Tv On The Radio. Il duo
prosegue nella tradizione di ospiti illustri, trademark sin dagli
esordi. Ed è proprio questa “continuità”, per non
dire conservatorismo, il “punto debole” dei Massive Attack
post-“Mezzanine”, soprattutto se raffrontata alle moderne
evoluzioni del suono da loro creato o alle scelte ben più
intriganti degli ex compagni di viaggio Tricky e Portishead.

Un’anomalia per un gruppo che ha mescolato le carte e i generi per
un decennio, puntando sempre verso la sperimentazione e
l’avanguardia. Perché se un tempo avremmo analizzato il DNA
del nuovo nato per scoprirne la paternità e rintracciare
nuove fonti d’ispirazione, oggi, di fronte a “Heligoland” non
succede, possiamo solo constatare che si tratta di un ottimo disco
pop. Esattamente quello che avremmo potuto aspettarci. Ma senza
sorprese.

Articoli correlati
Il ritorno dei Massive Attack

Il suono oscuro e sensuale dei Massive Attack, in cui l’hip-hop si fonde con melodie soul ed elettroniche, ha segnato il ritmo degli anni ’90. Dopo quattro anni, tornano con un nuovo album.