Un compleanno speciale per Billy Joel

Billy Joel compie 65 anni. Da Piano Man al tour in Unione Sovietica del 1987, fino (magari) a una superband con Sting e Don Henley.

Sono passati più di quarant’anni da Piano Man, uno dei brani con cui iniziò ad ottenere maggior attenzione da parte di pubblico e critica. Piano come quel pianoforte che ha iniziato a studiare sin da bambino e che suona ancora oggi, giorno del suo 65esimo compleanno. Il suo nome è Billy Joel.

Qualche giorno fa l’artista newyorkese ha dichiarato nel corso di un’intervista radiofonica di aver provato l’eroina un’unica volta alla fine degli anni ’70, spiegando tra l’altro che quei momenti ispirarono anche “Scandinavian Skies”, brano contenuto in “The Nylon Curtain” (Family Productions/Columbia, 1982).

 

https://www.youtube.com/watch?v=UFlsXgw_SFE

 

Ma non è certo questo l’episodio per cui viene ricordato Billy Joel. Sicuramente un momento ampiamente significativo della sua carriera è avvenuto nell’estate del 1987 quando andò a suonare nell’Unione Sovietica. Non un’unica data ma un mini-tour di sei concerti, tre a Mosca e tre a Leningrado. Una cosa per nulla scontata per un artista statunitense durante la cosiddetta Guerra Fredda.

E il prossimo 20 maggio uscirà  A Matter of Trust – The Bridge to Russia: The Music (Live), due CD e un DVD per rivivere quei momenti con materiale extra che si va ad aggiungere ai 16 brani del CD originale KOHЦEPT del 1987 e al Live From Leningrad in VHS sempre dello stesso anno.

 

Tornando invece all’intervista di qualche giorno fa, Billy Joel ha anche dichiarato che una volta gli è venuto in mente di voler mettere in piedi una superband con Sting e Don Henley. E chissà che una volta raggiunti i 65 anni, non possa davvero realizzare anche un progetto simile. Happy birthday Billy…

 

Leonardo Follieri

Articoli correlati