Investimenti sostenibili

Green bond, il 2018 sarà un altro anno da record

L’agenzia Standard & Poor’s prevede che il mercato dei green bond possa raggiungere i 200 miliardi di dollari nel 2018, segnando un nuovo record.

Duecento miliardi di dollari. È il livello che dovrebbe raggiungere il valore del mercato dei green bond nel corso del 2018. Il che equivarrebbe ad una crescita del 30 per cento rispetto al 2017: negli scorsi dodici mesi il dato si è fermato a 155 miliardi. La stima arriva da uno studio dell’agenzia di rating Standard & Poor’s che sottolinea come per il comparto si tratterebbe di un nuovo record. Tuttavia, l’incremento riferito al 2017 segnerebbe un rallentamento rispetto al ritmo tenuto nel quinquennio precedente: il comparto era infatti cresciuto, in media, dell’80 per cento all’anno.

Sempre sostenuto, ma in calo il ritmo di crescita dei green bond

L’agenzia, secondo quanto riferito dal quotidiano Novethic, ha spiegato: “Abbiamo riscontrato una forte crescita da parte dei soggetti privati: imprese, istituti di credito e, più di recente, società specializzate nell’emissione di tali prodotti finanziari verdi”. Al contrario, un trend votato ad un deciso ridimensionamento è stato riscontrato dalla banche pubbliche per lo sviluppo, il cui peso nel settore arrivava al 60 per cento cinque anni fa, contro l’attuale 11 per cento. Nei prossimi mesi, però, il ruolo degli stati potrebbe essere risollevato dalle prime emissioni di obbligazioni verdi sovrane (ovvero emesse direttamente da una nazione): Belgio, Marocco e Svezia potrebbero infatti seguire le orme di Polonia, Francia, Isole Fiji e Nigeria.

Sempre in termini geografici, secondo Standard & Poor’s un nuovo impulso al settore dei green bond dovrebbe arrivare da Cina, India e Messico. Ma anche il Medio Oriente potrebbe sperimentare una crescita. L’Europa, intanto, si conferma prima regione in termini di volumi di emissioni, anche se presto potrebbe subire un sorpasso da parte degli Stati Uniti. Nel paese di Donald Trump, infatti, il mercato delle obbligazioni verdi è più che raddoppiato nel corso del 2017, “nonostante la ‘volatilità’ delle politiche climatiche a livello federale”, ha sottolineato l’agenzia di rating.
Ancor più ottimistica la previsione di un’altra agenzia di rating, Moody’s, secondo la quale la crescita totale del comparto potrebbe essere pari al 60 per cento nel 2018.

Articoli correlati