La via dell’etere: un viaggio verso il risveglio

Risveglio

La quint’essenza di ogni cosa è sempre, per sua natura,
invisibile e, di conseguenza, non può essere indagata se non
esplorando, con acutezza, il “visibile” nel quale, appunto,
è celata.
Per questo l’Eterico è la parte più difficile da
trattare, nel percorso delle cinque vie: il terzo grado di
realizzazione nella via dell’Etere, il grado dell’Umano
Risvegliato. Nelle quattro vie corrisponde, rispettivamente, a
Saggezza, Controllo, Perseveranza, Libertà. L’eterico di
queste quattro pratiche, il loro asse portante, è il
Risveglio.
Non si può tradurre questa parola che con un’unica
affermazione: la pratica è il risveglio, il risveglio
è la pratica. E’ “nella” pratica, è “già”
nella pratica. Non possiamo che immergerci in essa.

A questi livelli, non si può più di tanto indagare,
soprattutto con le parole. Il Risveglio cui ci riferiamo come via
dell’Etere, non vuol dire “mi sono risvegliato; non c’entro
più con queste cose. Equilibrio e squilibrio? Sostegno? Ma
no! Io vivo di spirito, sono risvegliato.” Non è
così: anche risvegliati, si mangia.
Nel campo spirituale, non si maturano interessi, assolutamente mai.
Non posso dire: pratico, pratico, pratico così, prima o poi,
mi risveglio. Risvegliarsi è unicamente questo: è
constatare che la pratica “è” il risveglio e il risveglio
“è” la pratica.
La vita è la pratica, la via che ti mette sulla strada della
tua realizzazione, sulla strada del “tuo dio”. Ma nessuno ti batte
le mani, nessuno ti dice bravo. Difficilissimo.

Loredana Filippi

indietro

Articoli correlati
Lo scienziato felice

Per trovare il nostro pensiero non dobbiamo seguire i condizionamenti sociali, ma rimetterli in discussione. Ci sono due tipi di arte: quella che genera piacere e quella che genera felicità.

Zen, la porta senza porta

Dall’incontro tra la filosofia indiana con il taoismo e con la mentalità cinese, pragmatica e intrisa di confucianesimo, nasce un percorso spirituale in cui la compassione si eleva allo stesso livello della sapienza.

L’arte: per essere più umani

Arte, dunque, come traghettatrice verso un territorio dove le regole sono diverse dalle consuete, poco note o addirittura sconosciute.