Il significato simbolico dei numeri

I numeri hanno sempre avuto un fascino e una valenza anche simbolica.

I numeri hanno sempre avuto un fascino e una valenza anche
simbolica. Già dai tempi di Pitagora a ogni numero era
associato un significato trascendente e la Cabala ha approfondito
la ricerca associando un numero a ogni lettera e quindi, di
conseguenza, a ogni nome un numero più complesso. A ogni
numero viene attribuito un significato e addirittura una vibrazione
metafisica, quindi ogni nome racchiude in sé il significato
e il potere dei numeri che lo compongono. Secondo Cabala chi
conosce il vero nome di Dio – che nella tradizione ebraica non
viene mai nominato direttamente – pronunciandolo, può
evocare miracoli.

La stessa origine, anche se in una versione non più
esoterica, ma popolare, ha la celebre Smorfia Napoletana, che
trasforma gli oggetti e i protagonisti di eventi quotidiani e sogni
in numeri, da giocare poi al Lotto.

Una lettura della realtà in termini numerici la troviamo
anche nel Taoismo. Il
Tao-te-King afferma che il Tao (lo zero) produce il principio unico
(uno) che, a sua volta, si scinde nel due (la polarità
yin-yang) che
genera il 3, che a sua volta produce tutte le cose, per
moltiplicazione e divisione.

Il valore simbolico dei numeri (secondo diverse
tradizioni)

  • 0 – il Caos primigenio, il
    vuoto.
  • 1 – Il principio divino. La sorgente di
    tutti i numeri.
  • 2 – La nascita della dualità, le
    polarità dell’esistenza, il principio maschile e quello
    femminile. L’uomo.
  • 3 – La realtà spirituale, la
    perfezione, la Trinità. Le tre nature dell’anima, i tre
    stadi della manifestazione: nascita, conservazione, distruzione. La
    donna.
  • 4 – La materia, il mondo fisico. I
    quattro punti cardinali, la totalità della Terra.
  • 5 – L’essere umano. Il matrimonio e la
    prole (2+3).
  • 6 – Il patto di alleanza tra Dio e
    Abramo. Uguaglianza, equilibrio oppure conflitto tra due cicli
    (3+3).
  • 7 – La creazione, i giorni della Genesi.
    L’unione tra il principio spirituale e quello materiale (3+4),
    numero magico per eccellenza.
  • 8 – La vita eterna, l’infinito
    (4+4).
  • 9 -Il paradiso, i cori angelici, tutto
    ciò che ruota attorno a Dio. La vita individuale.

Articoli correlati
Lo scienziato felice

Per trovare il nostro pensiero non dobbiamo seguire i condizionamenti sociali, ma rimetterli in discussione. Ci sono due tipi di arte: quella che genera piacere e quella che genera felicità.

Zen, la porta senza porta

Dall’incontro tra la filosofia indiana con il taoismo e con la mentalità cinese, pragmatica e intrisa di confucianesimo, nasce un percorso spirituale in cui la compassione si eleva allo stesso livello della sapienza.

L’arte: per essere più umani

Arte, dunque, come traghettatrice verso un territorio dove le regole sono diverse dalle consuete, poco note o addirittura sconosciute.