Ricette per un Natale a Impatto Zero

Vietato avanzare!Ricette e consigli per rendere il tuo Natale sostenibile.

Al supermercato è facile cadere nella
trappola delle offerte speciali: si risparmia qualcosa, ma il
più delle volte si compra (e poi si cucina) davvero troppo,
“tanto abbiamo la scorta”. Il cibo però ha un valore che va
oltre quello monetario: i dati sulla fame nel mondo diffusi
recentemente dalla Fao, parlano chiaro. Anche dal punto di vista
ambientale il cibo ha un valore.

Per produrlo e confezionarlo si consuma energia, si sottrae natura,
si emette C02 in atmosfera. Lo spreco, quindi, è da evitare.
Meglio calibrare bene gli acquisti e le dosi, e quando qualcosa
rimane comunque in pentola (cosa che puntualmente succede a Natale)
imparare a riutilizzarlo, ricordando che molti gustosissimi piatti
della tradizione italiana sono nati proprio così. Mai
provata l’acquacotta?

Ecco qualche suggerimento:

Panettone
Tagliarlo e inzupparlo nel Gran Marnier. Ricoprirlo con cioccolato
fondente (fuso a bagnomaria) e servirlo come torta.

Pasta
Penne, rigatoni, fusilli: farli gratinare in forno a temperatura
alta. A seconda di come è stata condita in precedenza si
può arricchire con altri ingredienti. Esempio: se la pasta
era con un misto di verdure, aggiungete…

Verdure
Le verdure usate come contorno si possono riutilizzare facendo una
torta salata con una pasta sfoglia sottile e aggiungendo formaggio
tipo fontina. Cuocere al forno.

Risotti
In un padellino antiaderente, far fondere una noce di burro,
mettere il risotto e formare una specie di frittatina. Rosolare da
entrambe i lati e servire croccante.

Macedonia
Preparare delle crespelle e farcirle di frutta.

Insalata condita
Sbollentare l’insalata nel brodo per alcuni minuti, aggiungendo
anche due manciate di piselli surgelati e una cipolla tritata.
Frullare e servire su crostoni di pane.

Minestrone
Scolare le verdure e passarle al passaverdure. Versare questa purea
in una teglia a 180°nel forno, fino a quando si
trasformerà in un tortino che servirà come
accompagnamento ad una pietanza.

Di seguito una serie di ricette firmate da Massimo
Rovagnati, chef del gruppo Ethos.

Ricetta con polenta per 3 persone
6 fette di polenta da 60 g; 6 gamberoni sgusciati; 200 g di
zucchine; 2 cucchiai di olio extra vergine di oliva; 1 spicchio
d’aglio; 1 cucchiaio di senape; poche gocce di salsa di soia
biologica; sale Scottare in una padella antiaderente i gamberoni
con un filo di olio e mezzo spicchio d’aglio in camicia. Preparare
il condimento sbattendo la senape con l’olio, un pizzico di sale e
la salsa di soia. Tagliare le zucchine a listarelle e spadellarle
in padella antiaderente con un filo d’olio e mezzo spicchio
d’aglio, salare e ultimare la cottura. Gratinare le fette di
polenta in forno in una teglia con carta da forno, spennellare poi
le fette con la salsa preparata, adagiarvi sopra le zucchine e poi
i gamberi padellati. Servire caldo.

Frittata di pasta per 2 persone
100 gr di pasta avanzata al pomodoro o altro; 2 uova; 50 g di
parmigiano; 4 cucchiai di olio extra vergine di oliva; sale; 100 g
di feta greca; poco peperoncino Sbattere in una terrina le uova con
il parmigiano, il sale e poco peperoncino in polvere. Mischiare la
pasta con il composto di uova, aggiungere la feta tagliata a dadini
e poi friggere in una padella antiaderente calda con l’olio
extravergine come se fosse una frittata.

Ricetta con pollo avanzato per 1 persona
Preparare una salsa con 2 cucchiai di aceto di mele, 2 cucchiai di
maionese, un cucchiaio di pasta di acciughe, pochi capperi, un
cucchiaio di mostarda e uno di parmigiano. Tagliare e lavare un
ceppo di lattuga e metterlo in una ciotola, aggiungere il pollo
senza pelle tagliato a listarelle, la salsa preparata e dei
crostini di pane avanzato tagliato a dadini e tostato in forno con
un filo di olio e sale. Ecco un insalatina gustosa.

Crostata di tortellini… avanzati per 4 persone
300 g di tortellini in brodo; un rotolo di pasta brisé; 80 g
di parmigiano grattugiato; 60 g di fontina o provolone piccante; 50
g di prosciutto cotto a dadini. Far saltare in una padella i
tortellini con poco brodo e la dadolata di prosciutto cotto.
Stendere la pasta brisé alta pochi millimetri in una teglia
per crostata e infornarla 10 minuti a 180°, sfornare e riempire
con i tortellini mischiati con la cubettata di fontina o provolone
e il parmigiano. Ricoprire con un altro foglio di brisé
crudo, spennellare con dell’olio extra vergine di oliva,
bucherellare e infornare per altri 15-20 minuti.

Frittelle di lenticchie per 4 persone
600 g di lenticchie avanzate; 1 acciuga; 3 uova; sale e pepe qb; 2
cucchiai di farina 00; 80 g di prosciutto crudo tagliato a cubetti
e padellato con l’acciuga Frullare le lenticchie, aggiungere la
dadolata di prosciutto, le uova e la farina e amalgamare bene. In
un tegame scaldare dell’olio di semi e quando caldo immergere il
composto a cucchiaiate friggendo da entrambi i lati. Prelevare con
una schiumarola e passarle in carta assorbente e servire a piacere
accompagnate da verdure di stagione alla griglia o puré di
carote o di sedano rapa.

Articoli correlati