Rock Files Today – 09 Agosto – Jerry Garcia

Oggi, 9 Agosto 1995Clinica Serenity Knolls, baia di San Francisco. Da alcuni giorni, in questo lussuoso complesso riabilitativo, è ricoverato Jerry Garcia…


Oggi, 9 Agosto 1995
Clinica Serenity Knolls, baia di San Francisco.
Da alcuni giorni, in questo lussuoso complesso riabilitativo,
è ricoverato Jerry Garcia, icona della hippie generation,
fondatore e chitarrista della più significativa band del
rock psichedelico californiano, The Grateful Dead.

Entrare in un “rehab center” per Garcia non è una
novità: solo pochi anni prima, il musicista era uscito da un
coma diabetico indotto dall’uso di eroina, ma negli anni successivi
non è mai riuscito a modificare il suo pessimo stile di vita
fatto di cheeseburger (l’obesità lo ha già mandato in
coma una volta), fumo (60 sigarette al giorno) e droghe varie.

Ma, alle 4 e 23 di questa mattina, il suo cuore forte e
generoso decide di alzare bandiera bianca: Jerry Garcia muore
all’età di 53 anni.
I principali quotidiani d’America titolano sulle prime pagine:
Jerry is dead, end of an era (Jerry è morto, fine di
un’epoca).

Il sindaco di San Francisco fa calare la bandiera a mezz’asta e
anche il Presidente degli Stati Uniti Bill Clinton ne ricorda
ufficialmente la morte.
È il segnale di quanto quello che trent’anni prima era solo
un musicista “hippie” abbia segnato la cultura e la vita
americana.

Le sue spoglie vengono esposte presso la funeral home di San
Rafael il giorno dopo e il 12 agosto, nella Chiesa episcopale di
St. Stephen a Belvedere (penisola di Tiburon) si tiene il funerale,
cui partecipano in forma privata tutti i membri dei Dead, l’ex
giocatore di basket Bill Walton e Bob Dylan, con cui Garcia ha
suonato spesso in passato.

La vedova di Jerry, Deborah Koons, non permette alle due
precedenti ex mogli di partecipare al funerale.

Il 13 agosto, presso il Polo Fields del Golden Gate Park di San
Francisco, dove tante volte i Grateful Dead si erano esibiti negli
anni 60 al culmine della Summer Of Love, si tiene una veglia cui
presenziano oltre 25mila persone.

Poco meno di un anno dopo, il 4 aprile 1996, il compagno di
tante avventure nei Dead, Bob Weir, insieme a Deborah Koons si reca
in India, sul fiume Gange dove per esaudire gli ultimi desideri di
“Captain Trip”, come una volta veniva chiamato Garcia, sparge nel
fiume metà delle sue ceneri. L’altra metà
verrà dispersa nella baia di San Francisco. Anche in queste
occasioni, con poco rispetto per lo spirito di “pace & amore”
incarnato dalla musica del defunto marito, la vedova vieta la
partecipazione della prima moglie, Carolyn “Mountain Girl” Garcia,
che è stata anche madre di una delle sue figlie.

Articoli correlati
Rock Files Live! presenta: Lou, this is for you

Lunedì 13 gennaio prima puntata dell’anno per i Rock Files Live. Ezio Guaitamacchi e LifeGate presentano “Lou, this is for you”, una serata dedicata a uno degli artisti più importanti della storia del rock.

Rock Files Live! Alberto Radius

Nuovo appuntamento con i Rock Files Live! Sul palco del Memo Restaurant Music Club, ospite di Ezio Guaitamacchi, lunedì ci sarà Alberto Radius.

Rock Files Live! presenta L’Orage

Sul palco del Memo Restaurant Music Club lunedì per la puntata di Rock Files Live! L’Orage, che presenteranno il loro primo disco ufficiale L’Età dell’Oro.