Rock Files Today – 01 Giugno – Robert Wyatt

Oggi, 1 Giugno 1973 Londra. Si sta svolgendo una chiassosa festa per il 40esimo compleanno di Gilli Smyth con numerosi invitati. Tra questi Robert Wyatt (28 anni), batterista, compositore e fondatore dei Soft Machine nonché autorevole membro della comunità artistico/musicale di Canterbury…


Oggi, 1 Giugno 1973
Londra, Città di Westminster.
Sono circa le 10 di sera e in uno dei lussuosi appartamenti del
quartiere residenziale di Maida Vale si sta svolgendo una chiassosa
festa per il 40esimo compleanno di Gilli Smyth, vocalist della rock
band inglese Gong.

Insieme a lei si festeggia un altro anniversario: due giorni
dopo, una sua cara amica (la poetessa e performer di Plymouth, June
Campbell Cramer, detta Lady June) compie 42 anni.

L’alcol scorre a fiumi. La cocaina, pure.

Al party sono presenti musicisti e personaggi dello show biz
londinese.
Tra questi, Robert Wyatt (28 anni), batterista, compositore e
fondatore dei Soft Machine nonché autorevole membro della
comunità artistico/musicale di Canterbury.

Wyatt è all’apice della carriera: ha pubblicato nel 1970
il suo acclamato album solista The End Of An Ear e, poco dopo, ha
dato vita a un nuovo ensemble, i Matching Mole, che stanno proprio
in quei giorni terminando il loro terzo disco. Un po’ rintronato
per il troppo l’alcol bevuto e per le altre sostanze ingerite,
Wyatt decide di prendersi una boccata d’aria. Apre una finestra del
soggiorno e si sporge per inspirare un po’ di fresca brezza
londinese.

E’ un attimo.

Perde l’equilibrio e vola dal terzo piano direttamente sul
marciapiede.
Per miracolo, si salva la vita ma rimane paralizzato dalla cintola
in giù.

Qualche mese dopo, il 4 novembre, al Rainbow Theater di Londra,
i suoi vecchi amici dei Soft Machine e dei Pink Floyd fanno un
concerto per raccogliere fondi a favore di Robert Wyatt.

Nonostante il pesante handicap fisico, Robert Wyatt (a 35 anni
dall’incidente) continua a fare grande musica e a deliziare le
orecchie dei cultori più raffinati.

Articoli correlati
Rock Files Live! presenta: Lou, this is for you

Lunedì 13 gennaio prima puntata dell’anno per i Rock Files Live. Ezio Guaitamacchi e LifeGate presentano “Lou, this is for you”, una serata dedicata a uno degli artisti più importanti della storia del rock.

Rock Files Live! Alberto Radius

Nuovo appuntamento con i Rock Files Live! Sul palco del Memo Restaurant Music Club, ospite di Ezio Guaitamacchi, lunedì ci sarà Alberto Radius.

Rock Files Live! presenta L’Orage

Sul palco del Memo Restaurant Music Club lunedì per la puntata di Rock Files Live! L’Orage, che presenteranno il loro primo disco ufficiale L’Età dell’Oro.