Voglio un amico a quattro zampe

Per scegliere il nostro nuovo amico a quattro zampe non bastano intuito e colpo di fulmine, dobbiamo anche sapere quanto tempo libero e, soprattutto, quanta pazienza gli possiamo dedicare.

Dobbiamo decidere quale è l’amico a quattro zampe che fa per noi? Il primo
dubbio è: sceglierlo già adulto o ancora
cucciolo?

Nel primo caso è bene sapere che avremo di fronte un
qualcuno che ha già idee ben chiare sia sulla vita che sugli
uomini, per cui prepariamoci a una grande disponibilità al
dialogo, per evitare momenti di spiacevole incomunicabilità
dovuta alle sue difficoltà di adattamento al nuovo ambiente
e ai diversi ritmi di vita.
C’è però il notevole vantaggio di non doversi
sciroppare le fatidiche tre “P” cioè “pappe, pipì,
popò” che hanno messo a dura prova non poche convivenze
uomo-cane.
Inoltre, un cane adulto, non riserva grosse sorprese né
sulla sua futura taglia né sui suoi gusti e necessità
alimentari. Inizialmente sarà un rebus il suo carattere, ma
per il resto si gioca a carte scoperte.

E il cucciolo?
Prima di tutto bisogna informarsi bene in quale ambiente è
nato e vissuto fino a 2 mesi d’età, che è il momento
migliore per l’adozione.
Se in questo periodo così importante per il suo equilibrio
futuro, è stato coinvolto in modo piacevole ai più
variegati stimoli ambientali, più facile sarà per lui
l’adattamento nella sua nuova dimensione domestica. Attenzione
però: questi primi due mesi sono anche il periodo in cui il
cucciolo impara dalla madre le regole del buon vivere in
società, sarà lei infatti a insegnargli gli
autocontrolli più importanti, tra questi quello del morso.
Per questo è determinante che lui rimanga sempre al suo
fianco 24 ore su 24. Questo terrà distanti i suoi dentini
aguzzi da mani, polpacci, vestiti e suppellettili vari.

Claudio Ottavio
Medico veterinario

 

Articoli correlati
Addestriamo i nostri cani

L’addestramento se fatto e seguito in modo competente non rappresenta solo una scuola per il cane, ma un’ottima occasione per il proprietario, che ha la possibilità di apprendere come trovare un modo per dialogare con lui per la gioia di entrambi.

La tratta dei cani

E’ nato un “anomalo mercato parallelo” di cani importati da altri paesi, soprattutto dall’est europeo.