ZZ Top e la proposta indecente

Quando Gillette chiese ai barbuti ZZ Top di rasarsi per un milione di dollari. Una proposta indecente a tutti gli effetti.

Houston, Texas, Inverno del 1984. È in arrivo una proposta indecente per i due membri barbuti degli ZZ Top, leggendaria e longeva band texana il cui marchio di fabbrica, oltre al potente, ruvidissimo rock blues, è proprio rappresentato dalla lunga e folta barba del chitarrista Billy Gibbons e del bassista Dusty Hill.

 

L’offerta, all’apparenza irrinunciabile, è del marchio di rasoi Gillette: un milione di dollari per una pubblicità in cui i musicisti dovrebbero rasarsi. La risposta di Billy e Dusty è immediata, decisa e sorprendente: un no secco!

 

http://www.youtube.com/watch?v=GTUoANFRLRE

 

“Non esiste cifra al mondo”, dicono, “che valga il nostro marchio distintivo”. In realtà il look barbuto degli ZZ Top, oggi elemento imprescindibile, è nato in modo del tutto casuale. Dopo aver suonato in diverse band texane Gibbons e Hill, cui si aggiunge il batterista Frank Beard, si uniscono per formare un nuovo gruppo nel 1969. Dopo quasi un decennio passato in tour, gli ZZ Top decidono di prendersi una pausa, fino a che il produttore Bill Ham non invita la band a riprendere in mano la loro produzione. Quando Billy e Dusty si rincontrano, scoprono a sorpresa, che entrambi avevano lasciato crescere le barbe che da quel momento non verranno più tagliate.

 

Dopo il break, agli inizi degli anni ’80 raggiungono il picco della popolarità, con l’album Eliminator, e soprattutto grazie ai video musicali dei pezzi Gimme All Your Lovin’, Legs e Sharp-Dressed Man in ognuno dei quali mescolano donne e motori. Ragazze sexy a fianco di scintillanti Harley Davidson o di fuoriserie rombanti rta le quali compare un coupé rosso fiammante, che unito all’immagine di “uomini di frontiera” dei membri del gruppo, rende gli ZZ Top autentiche icone del rock americano.

 

Ma gli appassionati non scorderanno mai il suono verace degli esordi, quel rock blues texano pieno di potenza e charme che ancora oggi affascina al primo ascolto.

Articoli correlati
Rock Files Live! Black lives matter

La puntata di Mercoledì 29 luglio dei Rock Files Live! di LifeGate Radio è Black lives matter, interamente dedicata alla musica nera.

Come nasce un mito del prog

Passano pochi mesi e a Jon Anderson viene chiesto di entrare ufficialmente nella band che con la nuova formazione cambia anche il nome: i Mabel Greer’s Toyshop diventano gli Yes.

Il paracadute dei Coldplay

Chris come cantante, che si occupa occasionalmente anche del pianoforte, Jon al basso, Guy alla chitarra e Will alla batteria, nascono nel ’98 i Coldplay.

Cass & Moonie

A metà anni 60, Mama Cass accetta l’invito di John Phillips e dà vita alla vocal band più suggestiva della West Coast: The Mamas & The Papas,

Un esordio da Incubus

Dopo vari cambi di nome, hanno scelto di chiamarsi Incubus. Non hanno ancora la patente e cercano ingaggi in posti il più possibile vicino a casa.