Calabria, tagliati abusivamente 10mila alberi

10mila alberi sono stati tagliati in modo abusivo ad Acri, in Calabria. Il Corpo forestale dello Stato ha denunciato un imprenditore.

10mila alberi e piante sono stati tagliati abusivamente nel comune di Acri, in provincia di Cosenza, in Calabria, da un’impresa boschiva il cui titolare è stato denunciato dal Corpo forestale dello Stato. L’impresa non aveva alcuna autorizzazione regionale o paesaggistico-ambientale. L’area in cui è avvenuto il crimine si estende su una superficie di circa 20 ettari e ha riguardato soprattutto alberi di pino laricio e di abete.

 

Le forze dell’ordine hanno posto sotto sequestro l’intera area che si trova in località Policaretto e due autocarri muniti di strumenti per il taglio degli alberi, come una pinza meccanica e un escavatore.

 

La zona era di proprietà di una società fallimentare con sede a Roma secondo quanto riportato da il Quotidiano della Calabria, mentre l’attività di disboscamento abusivo è stata portata avanti da una azienda di Luzzi, in provincia di Cosenza, senza tenere conto dei vincoli e dei danni causati alle bellezze naturali e alla biodiversità dal taglio, ma anche dal transito dei mezzi e dalla trasformazione dei tronchi in cippato. Il taglio illegale sarebbe avvenuto su 10mila piante tra giugno e luglio.

Articoli correlati
Come stanno davvero le cose sulle trivelle nello Ionio

Dopo il primo vial libera del governo a nuove concessioni petrolifere che ha scatenato le critiche di ambientalisti/No Triv e la componente M5s del governo, ora il governo ha preparato un emendamento per bloccare il rilascio di circa 36 permessi esplorativi.