Coronavirus

Come sta il primo ministro britannico Boris Johnson, ricoverato in ospedale per coronavirus

Migliorano le condizioni del primo ministro britannico Boris Johnson che è stato ricoverato in ospedale nella serata di domenica 5 aprile a causa di sintomi da coronavirus.

Aggiornamento di venerdì 10 aprile – Boris Johnson è uscito dalla terapia intensiva ed è stato trasferito nel reparto ordinario di malattie polmonari. Le sue condizioni sono migliorate e i medici fanno sapere che “è di ottimo umore”. Rimane ricoverato in ospedale sotto stretto controllo medico e a riposo forzato.


Aggiornamento delle ore 21:30 – Boris Johnson è stato spostato in terapia intensiva dopo che le sue condizioni sono peggiorate. Secondo quanto dichiarato da Downing Street, questa decisione è stata presa a scopo precauzionale nel caso dovesse avere bisogno della respirazione assistita. Gli subentra ora Dominic Raab, Segretario di stato per gli affari esteri.

Ascolta “07. Coronavirus, quando una pandemia apre il decennio più importante per il clima” su Spreaker.

Domenica 5 aprile, il primo ministro britannico Boris Johnson è stato ricoverato in ospedale dopo aver mostrato per dieci giorni sintomi da coronavirus, tra cui tosse e febbre alta. Le autorità insistono che si tratti di una misura puramente precauzionale, ma sono stati sollevati dubbi sulla sua capacità di gestire la risposta del paese alla pandemia.

Dopo dieci giorni, non ci sono miglioramenti

Era il 27 marzo quando Boris Johnson è diventato il primo leader mondiale a risultare positivo al coronavirus, responsabile della malattia Covid-19. Da quel giorno, è stato messo in isolamento al numero 10 di Downing Street e sarebbe dovuto uscire dalla quarantena venerdì 3 aprile. Dopo dieci giorni, i suoi sintomi non sono migliorati e domenica 5 aprile, proprio mentre la Regina Elisabetta II teneva il suo discorso alla nazione, il primo ministro è stato ricoverato in al St Thomas’ Hospital, un ospedale londinese.

Leggi anche: Coronavirus, gli umani sono reclusi e gli animali ne approfittano, ma non quanto ci viene raccontato

numero 10 di downing street dove boris johnson era in isolamento
Era dal 27 marzo Boris Johnson si trovava in isolamento al numero 10 di Downing Street © Peter Summers/Getty Images

Per le autorità si tratta di una misura precauzionale

Un portavoce di Downing street ha dichiarato che “su consiglio del suo medico, il primo ministro è stato ricoverato in ospedale per fare degli esami. È una misura precauzionale dato che continua a mostrare sintomi della Covid-19 dopo dieci giorni dall’essere risultato positivo”. Ha poi aggiunto che Johnson rimarrà in ospedale “per tutto il tempo necessario”. Non è stato specificato a quali esami verrà sottoposto, ma secondo alcuni esperti si tratta di test per verificare lo stato dei suoi polmoni, del cuore e di altri organi vitali. Le autorità hanno più volte sottolineato che non si parla di ricovero d’emergenza e che Johnson rimane a capo del governo. Se le sue condizioni dovessero peggiorare, sarà Dominic Raab, primo Segretario di stato e Segretario di stato per gli affari esteri e del Commonwealth, a prendere il comando. Raab presenzierà anche l’incontro di lunedì mattina del comitato governativo responsabile di combattere la pandemia.

Leggi anche: Il coronavirus ha messo in mostra tutte le disuguaglianze nella nostra società

Anche Carrie Symonds, compagna del primo ministro da cui aspetta un figlio, ha ammesso sabato 4 aprile di aver sofferto di alcuni sintomi della Covid-19, ma di stare meglio. Tuttavia, non è stata sottoposta al test.

Fino ad oggi, i casi confermati di coronavirus nel Regno Unito sono 48.440 con 229 persone guarite. Il numero dei decessi è salito a 4.934.

 

Articoli correlati