Conferenze sul clima

Clima, la Cop 26 di Glasgow è stata rimandata per pandemia

A causa dell’epidemia di coronavirus, la Cop 26 non si terrà a novembre di quest’anno ma nel 2021.

Ascolta “07. Coronavirus, quando una pandemia apre il decennio più importante per il clima” su Spreaker.
La ventiseiesima Conferenza mondiale sul clima delle Nazioni Unite, Cop 26, prevista a Glasgow dal 9 al 19 novembre, è stata rimandata. La pandemia mondiale legata alla diffusione del coronavirus ha reso infatti impossibile effettuare i lavori preliminari posticipati a questo punto ad ottobre – imprescindibili per la tenuta del summit. Meglio dunque procrastinare l’appuntamento, che si terrà nel 2021.

Le Nazioni Unite non hanno comunicate nuove date per la Cop 26

L’Unfccc, la Convenzione quadro delle Nazioni Unite che si occupa di organizzare le Cop, non ha comunicato nuove date, spiegando che queste ultime saranno indicate “a tempo debito”. Da parte sua, il governo del Regno Unito – che co-organizza l’evento assieme all’Italia – ha spiegato che “tenuto conto dell’impatto mondiale del Covid-19, la tenuta di una Cop 26 ambiziosa e inclusiva nel novembre prossimo non è più possibile”. Il segretario generale delle Nazioni Unite, António Guterres, ha accolto con favore la decisione, spiegando che la lotta al coronavirus rappresenta “la priorità assoluta” per il mondo intero: “Questa crisi umana drammatica è anche un esempio della vulnerabilità dei nostri paesi, delle nostre società e delle nostre economie”.

Alok Sharma, presidente della Cop 26, ha affermato similmente che “il mondo deve fronteggiare una sfida mondiale senza precedenti”, il che impone un ripensamento di tutti gli altri eventi. Allo stesso modo, la segretaria dell’Unfccc Patricia Espinosa ha confermato che “il Covid-19.rappresenta la minaccia più urgente per l’umanità in questo momento”. Esattamente come quella derivante dai cambiamenti climatici  “è la minaccia più grande sul lungo termine”.

cop 25
La Cop 25 si è conclusa con grande delusione a Madrid, nel dicembre del 2019. La Cop 26 del 2020 è stata invece posticipata a causa del coronavirus © Claudia Vago

“Ora i governi raddoppino gli sforzi sul clima”

Anche le organizzazioni non governative hanno sostenuto la scelta di rimandare la Cop26. Tuttavia, la dirigente di Oxfam Chema Vera ha ammonito: “I governi evitino di ripetere gli stessi errori commessi dopo la crisi finanziaria del 2008, quando i piani di rilancio hanno provocato un aumento delle emissioni di CO2”.

“L’obiettivo dei governi deve essere ora come ora quello di prendersi cura dei propri cittadini, di stabilizzare la situazione e ricostruire, e tutto questo deve essere fatto in modo da creare un mondo più giusto e attento alla tutela del clima, perché la salute ambientale e il nostro benessere dipendono l’una dall’altro”, ha dichiarato Jennifer Morgan, direttrice esecutiva di Greenpeace International. Secondo la quale “la sospensione della Cop26 dovrebbe far sì che i governi raddoppino gli sforzi per intraprendere una via più verde e più giusta nella gestione di questa crisi sanitaria e dell’emergenza climatica. Tornare al ‘business as usual’ sarebbe del tutto inaccettabile”.

Articoli correlati